AttualitàTecnologia

Un approccio tecnologico sempre più in voga, l’Intelligenza Artificiale

292views

Cos’è l’Intelligenza Artificiale e come si è sviluppata

L’Intelligenza Artificiale, tecnicamente è un ramo dell’informatica che programma e progetta sistemi hardware e software che danno alle macchine delle caratteristiche simili a quelle umane.

L’origine dell’Intelligenza Artificiale

Non riguarda dunque un’intelligenza che fa riferimento solamente alla capacità di calcolo o alla conoscenza di dati astratti, ma piuttosto si rivolge anche all’intelligenza spaziale, sociale, cinestetica, introspettiva e così via.

Essa nasce con l’avvento dei computer, esattamente nel 1956. Negli anni successivi viene sperimentata sempre di più da università e aziende informatiche che provano a sviluppare nuovi programmi e software, i quali agiscono esattamente come gli umani.

Di anno in anno, i software diventano sempre più sofisticati e in grado di risolvere sempre già elaborazioni; si sviluppa addirittura la tendenza a ricercare soluzioni a problematiche contingenti alla realtà dell’essere umano e si realizzano così dei veri e propri percorsi semantici per le nuove macchine.

Tre parametri fondamentali stanno alla base dell’AI e riguardano il comportamento umano. Essi sono la conoscenza non sterile, la coscienza che usa la logica per prendere decisioni e l’abilità di risolvere problemi.

Gli algoritmi utilizzati dall’AI permettono ai sistemi intelligenti di migliorare le diverse capacità di ragionamento e comportamento umano e di prendere decisioni in base agli algoritmi selezionati.

Una tecnologia Iper Innovativa

L’utilizzo di questo termine è quadruplicato rispetto allo scorso anno; non a caso l’intelligenza artificiale è stata nominata parola dell’anno 2023, dal Collins Dictionary.

Un’ascesa incredibile, anche grazie ai modelli automatici quali GPT-3 e ChatGPT.

L’AI sta al centro dell’attenzione e del dibattito pubblico e fa riflettere su come questa nuova tecnologia possa impattare sulle nostre vite, sul mondo del lavoro e in generale sulla vita quotidiana degli individui.

Essa è pronta a rinnovare il mondo, un po’ come in passato hanno fatto gli smartphone così come internet.

Il futuro si orienta verso la trasformazione digitale tramite l’implementazione di AI.

Per cosa viene utlizzata l’AI?

L’intelligenza artificiale (AI) trova applicazioni in vari settori, spiccano alcuni più di altri, ma il suo impatto è onnicomprensivo.

Commercio Elettronico e Dettaglio:

Nel commercio elettronico e nel dettaglio, l’AI è un pilastro per coinvolgere al meglio i clienti. Dati, interessi e preferenze sono elaborati per creare un’esperienza di acquisto positiva e personalizzata, fidelizzando la clientela.

Sanità:

Nell’ambito sanitario, l’AI è utilizzata per sviluppare macchine sofisticate in grado di identificare tumori e malattie, individuare precocemente patologie croniche, scoprire nuovi farmaci, e condurre esami medici avanzati con precisione.

Agricoltura:

Nell’ambito agricolo, l’AI rileva parassiti, malattie e migliora la sicurezza dei raccolti. Le applicazioni di computer vision e robotica rendono più efficiente la coltivazione delle colture.

Lifestyle:

Anche il Lifestyle beneficia dell’AI, con nuove app che influenzano positivamente le abitudini quotidiane. Esempi includono l’apprendimento automatico per la guida sicura e filtri anti-spam basati su intelligenza artificiale per la posta elettronica.

Robotica:

I processi della robotica sono automatizzati e standardizzati, offrendo previsioni sempre più accurate. I robot dotati di AI rilevano ostacoli in tempo reale e pianificano percorsi.

Automotive:

Nel settore automobilistico, l’AI ha un ruolo chiave nei progressi tecnologici, contribuendo alla guida autonoma e alla sicurezza stradale.

Gaming:

Anche nel mondo del gaming, gli algoritmi di apprendimento tipici dell’AI sono utilizzati nella programmazione dei giochi, garantendo esperienze sempre più immersive.

In tutti questi ambiti, l’AI si afferma come una forza trainante verso l’innovazione e il progresso.

2 Comments

Leave a Response