Intrattenimento

'A sense of Ocean's 11': l'affascinante storia vera dietro We Are the World | Film documentari

76views

Nonostante tutte le gemme dietro le quinte e la nostalgia degli anni '80 che ha da offrire, The Greatest Night in Pop di Bao Nguyen è un corso di perfezionamento nella pianificazione di eventi.

Come sa chiunque abbia mai provato a stipare un gruppo di celebrità – o anche una folla di amici e familiari pigri – nella stessa stanza allo stesso tempo, sarà un mal di testa. Riunire 46 delle superstar musicali di oggi per una notte di lavoro non retribuito sarebbe quasi impossibile (non c'è da stupirsi che la maggior parte delle collaborazioni in vetta alle classifiche di oggi coinvolgano non più di due artisti). “Ci sono così tanti manager, pubblicisti e agenti che dovresti affrontare”, ha detto Nguyen dal Sundance, dove ha presentato in anteprima il suo film sulla realizzazione di We Are The World.

The Greatest Night in Pop funziona come il tic tac di un miracolo dell'undicesima ora. Quando Ken Kraven, il manager di Hollywood, si mise in testa di mettere insieme una mega sessione di registrazione con le più grandi pop star della nazione per una causa comune, aveva poche ragioni per credere che ce l'avrebbe fatta. Ma Kraven e il suo comitato organizzatore avevano una valigia piena di Rolodexe e qualche altro asso nella manica. Per cominciare, hanno convinto le megastar Lionel Ritchie e Michael Jackson per firmare come cantautori. Regola n. 1: garantire che gli individui di alto profilo siano già “attaccati”, per usare il linguaggio dei presuntuosi.

Un'altra superstar, il leggendario cantante Harry Belafonte, è stato all'origine dello scopo della raccolta fondi: contrastare il problema della carestia in Africa. E Bob Geldof dell'organizzazione benefica britannica Live Aid è venuto a condividere la sua saggezza riguardo all'attivismo musicale.

Gli organizzatori hanno avuto appena un mese per mettere a punto la loro visione, ma quando i titoli di testa del documentario di Ngyuen sono finiti, abbiamo visto i volti di Bruce Springsteen, Cyndi Lauper, Bette Midler, Paul Simon e Diana Ross. Incoraggiato dal produttore Quincy Jones e sostenuto da una cena di mezzanotte a base di pollo e waffle, il gruppo si è radunato e ha cantato a squarciagola un iconico verme, avvolgendosi all'alba.

Il potere duraturo della canzone è in parte dovuto alla sua costruzione brillantemente semplice. “La parte del ritornello è fatta per così tante gamme vocali diverse”, ha detto Nguyen. “Lionel e Michael l'hanno fatto in modo che sia un inno e puoi cantarlo abbastanza facilmente.”

La melodia è radicata nei ricordi d'infanzia del regista. Cresciuto nel Maryland con genitori rifugiati vietnamiti, la canzone era in continua rotazione. Più recentemente, quando è andato a trovare i suoi genitori in Vietnam, dove sono poi tornati, la canzone è arrivata alla radio del taxi. “Sapevo che dovevo fare questo film”, ha detto.

Il progetto è nato come soluzione alternativa al Covid. All’inizio del 2020, quando il regista e la sua produttrice Julia Nottingham hanno pubblicato il loro documentario su Bruce Lee, Be Water, hanno concordato che anche il loro prossimo progetto avrebbe dovuto fare affidamento su filmati d’archivio. Nottingham aveva un legame con la società che aveva prodotto gli American Music Awards, la cerimonia che era stata una sorta di pre-partita prima che gli artisti si recassero allo studio di registrazione. Ha contattato il produttore musicale Larry Klein, che si è scoperto essere seduto su un sacco di videocassette che nessuno aveva visto prima. “Ha detto: 'Ho aspettato 35 anni per questa telefonata'”, ha detto Nguyen.

“Non ero sicuro di essere la persona giusta per raccontare la storia”, ha detto il regista quarantenne. Per prima cosa, non ricordava l'ora in cui era uscita la canzone. “E in realtà non ho mai fatto un documentario musicale.” Ma dopo un’ulteriore considerazione, la risposta è diventata ovvia. “Ero tipo, questa è una storia così avvincente. E uno dei miei ruoli che vedo come regista è scoprire qualcosa di nuovo, significativo e personale. Mentre studiava i materiali, la sua visione si univa. “Sembra un film su una rapina. È una storia che ricorda quella di Ocean's 11”, con un'operazione segreta per trasportare circa 40 persone tra le più famose al mondo in un luogo nascosto per trascorrere tutta la notte.

Un ricco senso di tensione anima il film. Mentre le star si riversavano nello studio di registrazione, venivano accolte dall’unica regola che Jones pose sul muro: “Controlla il tuo ego alla porta”. Anche l’umanità mostrata nel filmato – come quando le star hanno iniziato a chiedersi l’un l’altro i loro autografi – ha catturato Nguyen. “Sento che è così sorprendente vedere tutte queste persone soprannaturali essere così naturali.”

Huey Lewis, Quincy Jones e Michael Jackson Fotografia: Netflix/AP

Verso mezzanotte gli artisti cominciarono a vacillare. Dylan aveva bisogno di ulteriore aiuto per raggiungere i suoi obiettivi. Stevie Wonder ha suggerito che il gruppo iniziasse a cantare in swahili – e il conseguente dibattito sulla questione se il popolo dell’Etiopia, particolarmente colpito dalla carestia, parli aramaico o swahili avrà risonanza con chiunque si sia trovato in un gruppo Zoom disfunzionale.

Ma hanno perseverato, sciogliendosi e diventando storditi, come un gruppo di ragazzini a un pigiama party. Nonostante tutte le personalità racchiuse in uno spazio ristretto, sorprendentemente c'era poco dramma. Forse è perché il dramma è avvenuto fuori dallo schermo: assenze degne di nota sono state Madonna, che non è stata invitata (i produttori hanno scelto Lauper invece di Material Girl), e Prince, che aveva posto la condizione di registrare un assolo in una stanza da solo – che è stato negato.

La canzone ha raccolto più di 60 milioni di dollari, anche se Nguyen sottolinea che il suo impatto è stato molto maggiore, poiché ha messo sotto i riflettori globali la questione della carestia africana. “Ovviamente oggi siamo inondati di immagini di povertà, ma penso che ciò abbia davvero ispirato molti aiuti esteri”, e abbia aperto la strada a una serie di artisti-attivisti.

Forse la cosa più miracolosa è che Nguyen non è stufo della canzone. “Questa era una delle cose che mi preoccupavano nel realizzare il documentario”, ha detto. “Ma lo adoro ancora alla fine della giornata. L’ho ascoltato stamattina mentre mi preparavo”.

Leave a Response