Intrattenimento

Allora, qual era lo scopo del talk show Netflix dal vivo di John Mulaney?

40views

Il nuovo di John Mulaney, appena concluso Netflix serie limitate commedie, Sono tutti a Los Angeles, sembrava sperimentale in molti modi. Non è solo Netflix che sta provando un formato interessante – lo spettacolo ha debuttato dal vivo il 3 maggio e si è svolto la scorsa settimana in una serie di sei episodi dal vivo serali – ma sembra anche che Mulaney stia lanciando un concerto secondario.

In qualità di conduttore di un gruppo eterogeneo di nativi di Los Angeles e comici che invadono la città, Mulaney sembra stia sondando il terreno per capire quale tipo di commedia il suo pubblico vuole da lui adesso. Il suo speciale confessionale del 2023 Il bambino J ha vinto un Emmy per la sua scrittura eccezionale e ha approfondito i suoi recenti problemi con la sobrietà, ma ha ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica: alcuni dei quali sembrava scettico nella migliore delle ipotesi che Mulaney aveva fatto abbastanza per mettere a nudo la sua anima per il resto di noi.

Dopo alcuni anni difficili per Mulaney, tale cinismo nei confronti del comico sembrava essere il sentimento prevalente. In particolare, il 2021 lo ha visto entrare in riabilitazione per tossicodipendenza. Poco dopo il suo rilascio, divenne chiaro che Mulaney lo aveva fatto scelto di porre fine al suo matrimonio alla sua allora moglie di sei anni, Anna Marie Tendler, e iniziò una relazione con l'attrice Olivia Munn – la cui cronologia è stata descritta come “stretto.” Mulaney aveva appena chiesto il divorzio voci di una relazione trapelata, seguita dalla notizia che Munn era incinta.

Lo scandalo ha colpito il pubblico in modo insolitamente duro in una cultura dell’era della pandemia che si aggrappava ai suoi eroi, e le trasgressioni di Mulaney hanno generato forti reazioni e discorso intenso sul fatto che le nostre relazioni parasociali siano diventate troppo deformate. Quel periodo danneggiò gravemente il rapporto di Mulaney con il suo pubblico principale, un tempo pieno di persone che rispondevano al suo fascino idealistico. Quelle persone non sembravano andare avanti facilmente, nemmeno nell’aprile del 2023, quando Mulaney, attraverso Il bambino Jha offerto una via da seguire attraverso la via più tradizionale: un confessionale redentore.

Salta avanti fino a maggio 2024 e forse, se il primo tentativo non ha stabilito un percorso completamente chiaro per il fumetto, il secondo tentativo lo farà: entra, un talk show comico quotidiano intenzionalmente casuale costruito attorno alle scuse più logore. La ragion d'essere dello spettacolo: Los Angeles è strana. La soluzione: riunire un gruppo inaspettato di persone divertenti e gente del posto per parlare di quanto sia strana Los Angeles. Il conduttore: un comico famoso per le sue simpatiche stranezze casuali.

Mulaney sembra coprire le sue basi. “Stiamo facendo solo sei episodi”, spiega nell'introduzione Sono tutti a Los Angeles, “quindi lo spettacolo non raggiungerà mai il suo ritmo.” Se questo fallisce, va bene. Mulaney scherza dicendo che non sa perché sta facendo lo spettacolo, che funge da evento collaterale per l'elaborato festival della commedia di Los Angeles di Netflix. Netflix è uno scherzo. “Ho bisogno di struttura”, dice, una non-giustificazione che funge anche da sottile promemoria per alcuni spettatori che stiamo guardando una persona che ha una storia di dipendenza e presumibilmente è in fase di recupero.

Tuttavia, questo è quanto di più profondo arriva in questo spettacolo; anche se riceviamo alcuni gesti su argomenti socioculturali come l'ambientalismo e il problema incessante del traffico di Los Angeles, ci vengono presentati sotto le sembianze, ad esempio, di un attaccabrighe di coyote o di un giornalista di elicotteri gonzo. Mulaney presenta comici famosi, sì, ma anche tutti, dagli ipnoterapeuti all'ex procuratore di OJ Simpson Marcia Clark. (E davvero, cosa potrebbe esserci di più LA di così?) Tra una conversazione e l'altra, Mulaney presenta schizzi preregistrati di più comici ospiti e Spettacolo quotidianocorrispondenti in stile comico. Come se non fosse già abbastanza caotico, ha anche ospiti che chiamano. Ad un certo punto durante l'episodio cinque, un sismologo siede in silenzio mentre un chiamante racconta di essere stato svegliato da un terremoto mentre dormiva nudo. Questi probabilmente non sono i ritmi dei talk show a cui sei abituato.

Anche l'avventura di una settimana di Mulaney con la città funziona bene per Netflix. Nonostante ci abbia provato e spento per anni per rendere i talk show di Netflix una cosae nonostante abbia riportato a intermittenza David Letterman per fare interviste una tantum di lunga durata, la piattaforma non ha mai centrato il formato prima di questo. Lo spettacolo serale sembra avere un piccolo impatto; attualmente è al numero 10 nella Top 10 dei programmi Netflix USA del giorno, e si è spostato su e giù nella classifica per gran parte della settimana.

Non è un brutto inizio; l'inizio di cosa, esattamente, rimane alquanto poco chiaro. Netflix potrebbe anche utilizzare questo spettacolo come progetto pilota per iniziative a tema simili da parte di altri conduttori temporanei, in altre parole, altro ancora appuntamento televisivo. Sembra certamente che l'intera settimana, a cominciare dallo speciale live standup di Katt Williams Ho svegliato Foke e il terribilmente a disagio Arrosto di Tom Bradyè stata una settimana sperimentale decisiva per Netflix e la programmazione dal vivo.

O forse Netflix lo farà di nuovo l’anno prossimo durante il suo prossimo festival della commedia; forse tra qualche mese, Mulaney si trasferirà in un'altra bizzarra città americana con un altro bizzarro gruppo di ospiti. È un concetto interessante: come sarebbe questo tipo di serie se prendesse sia lui che la città in cui si trova un po' più sul serio? Cosa ne penserebbero gli spettatori se non sapessimo della città stessa tanto quanto abbiamo assorbito di Los Angeles da decenni di osmosi culturale? non sto dicendo Sono tutti a Boise è la strada da percorrere, ma sto dicendo che probabilmente lo guarderei per il colore locale.

Sembra altrettanto incerto se questo sia sufficiente per riportare Mulaney ai vertici del mondo della commedia. Il fascino principale dello spettacolo, tutto sommato, ha meno a che fare con l'assemblea degli ospiti che con il guardare il disinvolto litigio di Mulaney con loro. Notte dopo notte, Mulaney abbraccia tutto l'imbarazzo della commedia dal vivo, e non sempre ricambia: spesso gli ospiti sono ostili; gli schizzi non sempre arrivano; i chiamanti sono troppo ansiosi di farsi notare. Mulaney evita tutto come se fosse Dance Dance Revolution e conosce questa particolare canzone a memoria. Come ospite, è favoloso.

Eppure l’idea di Mulaney come conduttore di talk show su base continuativa sembra una perdita netta piuttosto che un guadagno. Certo, lui Potere riunisci i titani della commedia e assicurati che non durino più di un'ora, ma probabilmente è pronto per cose migliori. Se la critica dominante di Il bambino J era che allora l'auto-recriminazione di Mulaney era stata troppo leggera Sono tutti a Los Angeles dirige i suoi talenti interamente verso l'esterno; è intenzionalmente spensierato, deliberatamente superficiale. C'è un significato nei bordi, ma di solito ha poco a che fare con il motivo per cui amiamo lo stesso Mulaney. Il miglior momento discutibile della serie, infatti, non coinvolge affatto Mulaney, ma piuttosto un segmento preregistrato nel secondo episodio che riunisce i membri principali della scena punk di Los Angeles. Si siedono a ricordare, poi scrivono insieme una stupida canzone punk al volo.

È divertente, è toccante. Ma non è così divertente o toccante come può esserlo lo stesso Mulaney quando è solo sul palco con solo i suoi difetti e un migliaio di persone disposte a ridere e poi a perdonarli. Se Sono tutti a Los Angeles avvicina il suo pubblico alla sospensione delle ostilità, allora ne sarà valsa la pena.

Leave a Response