Tecnologia

Apple M4 è il chip più veloce al mondo: stracciata la concorrenza single-core su Geekbench

37views

La presentazione ufficiale del chip M4 a bordo dei nuovi iPadPro ha lasciato un po' tutti di stucco, dato che Mela aveva presentato la versione M3 soltanto 5 mesi fa. Quello sviluppato dalla compagnia di Cupertino, tuttavia, potrebbe essere davvero il chip più veloce al mondo, stando ai primi segno di riferimento comparsi sulla nota piattaforma di test sintetici Geekbench.

Apple M4 batte anche Intel i9-14900KF: è il chip più veloce su Geekbench

Comparso solo qualche ora fa sulla piattaforma, il nuovo iPadPro con chip M4 ha fatto registrare su Geekbench punteggi davvero da record: ben 3.810 punti nel test single-core e 14.541 in quello multi-core. Nel primo test, il nuovo chip di Mela è riuscito addirittura a stracciare la concorrenza della CPU Intel i9-14900KFche ha fatto registrato un punteggio di poco inferiore ai 3.300 punti.

Bisogna considerare, inoltre, che le prestazioni del chip M4 sono state attualmente registrate su iPad Pro, con un raffreddamento limitato rispetto a quanto possibile nei laptop. L'attesa quindi cresce a dismisura se si considera le prestazioni che potrebbe sfoderare questo chip una volta arrivato su MacBookAir e Macbook Proper non parlare di Mac Mini e della versione Massimo e Ultra.

Questi nuovi dispositivi sono attesi per la fine del 2024ma sicuramente i professionisti non vedono l'ora di mettere le mani sui chip di fascia alta che verranno integrati probabilmente nei Studio Mac e Mac Pro.

Sai che siamo anche su WhatsApp? Iscriviti subito ai canali di GizChina.it e GizDealsper restare sempre informato sulle notizie del momento e sulle migliori offerte del web!

⭐️ Scopri le migliori offerte online grazie al nostro canale Telegram esclusivo.

Tuttofare amante dei videogiochi e della tecnologia. Scrivo sul web da quando avevo 15 anni e dopo una lunga givetta sono approdato su queste pagine. Tendenzialmente ho sempre ragione, ma non lo faccio pesare. Resto umile.

Leave a Response