Tecnologia

Chi obsoleto? I server dell'Ai di Apple utilizzeranno M2 Ultra

42views

Se pensate che il vostro Mac sia stato relegato all'obsolescenza dalla continua rincorsa di Apple ad aggiornare i processori, prima gli M2 a giugno del 2022poi gli M2 Max e Pro a gennaio del 2023poi gli M2 Ultra a giugno 2023, poi gli M3 in autunno e ora gli M4Sappiate che Apple non ha la vostra preoccupazione. Saranno server basati sull'architettura di due anni faquella nata con i processori M2, a sostenere la strategia per dare alla Mela un ruolo da protagonista futuro dell”Intelligenza Artificiale, di cui avremo notizia alla WWDC.

L'argomento viene introdotto dal solito Gurman che in un articolo su Bloomberg nella serata di ieri, uscito traccia alcune delle linee strategiche di Apple per quanto riguarda l'Ai e dopo avere svelato che una parte dei calcoli sarà svolta direttamente sul dispositivo in nostro possessoci fa sapere che la parte più gravosa, quella affidata all'Intelligenza Artificiale Generativa sarà svolta da server basato sul processore M2 Ultra.

La notizia è molto interessante per vari aspetti.

Il primo deriva proprio dall'uso dei processori M2 Ultra, gli stessi che sono sui Studio Mac e ioMacPro che con l'adozione di questi processori hanno rappresentato, nella primavera dello scorso anno, la transizione gli Apple Silicon e l'abbandono di Intel.

Apple ha pronti i server con chip M2 Ultra per l'IA di iOS 18Apple ha pronti i server con chip M2 Ultra per l'IA di iOS 18
La tecnologia Ultrafusion unisce insieme due processori per dare vita alla versione Ultra di M2 Foto gentilmente concessa da Apple

Sono processori molto potenti e molto grandidi fatto due processori M2 Max insieme unitiassorbono una significativa quantità di energia e in quanto tali differenze rispetto ai processori M2 (di cui Apple avrebbe abbandonato la produzione), ma la loro architettura di base e circuiteria è la stessa usata dalle GPU che abbiamo visto su macchine come i MacBook Air oi MacBook Pro di un anno e mezzo fa.

La ragione per cui Apple usa oggi questi componenti si deve probabilmente a vari fattori.

Il primo è che c'è fretta di realizzare le server farm e non c'è tempo di attendere gli eventuali M3 Ultra (che forse ci saranno o forse no) o addirittura gli M4 Ultra che sono sicuramente nel progetto ma non certamente in tempo per il lancio del progetto Intelligenza Artificiale.

L'idea di sfruttare chip dedicati all'AI lato-server, risalirebbe infatti a tre anni addietro, quindi prima del lancio di ChatGPT, ma la corsa innescata all'Ai, avrebbe costretto Apple ad accelerare la sua piattaforma. I server con M4 arriveranno, quindi, ma solo in una seconda fase, ora non c'è tempo di aspettare.

Apple ha pronti i server con chip M2 Ultra per l'IA di iOS 18Apple ha pronti i server con chip M2 Ultra per l'IA di iOS 18
Il data center Apple di Reno è stato inaugurato nel 2012. Foto di Apple.

Il secondo elemento che spinge Apple in questa direzione è che l'architettura di due anni fa è ancora ancora talmente buono da poterla sfruttare per basare su di essa una server farm che prevedibilmente dovrà avere una certa longevità e sostenere dal punto di vista dei “muscoli” un piano di enorme rilevanza come quello che ruota intorno all'Ai.

Di una server farm Apple, basata su processori costruiti in casa, del resto, si parla da un po' anche se solo qualche giorno fa il Wall Street Journal aveva affermato che Foxconn avrebbe iniziato a produrre macchine con Apple Silicon per le server farm Apple.

I processori Apple, del resto, hanno anche un altro vantaggio: i componenti “fatte in casa” rappresentano una garanzia per la protezione dei dati degli utentiper la possibilità di sfruttare funzionalità di protezione intrinseca sull'intero sistema di elaborazione dei dati sui server.

Sarà in pratica possibile analizzare le opinioni degli utenti, catalogare la scena, tradurre testi, riconoscere la calligrafia, suggerire parole da digitare, etichettare la musica e molto altro, minimizzando la necessità di condividere le proprie tecnologie e controllando ogni aspetto di tutela della sicurezza e della privacy. Per questo Apple sta sviluppando in casa anche una piattaforma di calcolo proprietariasenza affidarsi a terze parti.

Patti strategici con altre aziende, siano esse Google, OpenAi e Baidu, dovrebbero avere un ruolo per l'Ai affidato al dispositivo. Parliamo di azioni come riassunto delle notifiche o dei testi, analisi delle mail, gestione degli appuntamenti, la risposta al motore di ricerca di elementi, selezione di applicazioni per compiti specifici, stringhe di chat.

È qui che dovrebbe fare la sua parte iOS 18, definito come un “il più ambizioso aggiornamento degli ultimi anni, strutturato su importanti nuove funzionalità e altre ancora in termini di design, insieme a migliorie in termini di performance e sicurezza. iOS 18 sarà l'aggiornamento più importante di sempre per iPhone

Leave a Response