Tecnologia

Come il genocidio di Gaza ha rivelato il razzismo anti-palestinese in Apple – Mondoweiss

29views

Ho trascorso più di un decennio in una delle aziende più ricche del mondo: Apple. Ho iniziato la mia carriera la stessa settimana in cui è morto Steve Jobs. Da allora, ho assistito personalmente a come l'azienda si sia trasformata da un'azienda che credeva davvero nel proprio credo – che enfatizza l'inclusione, il rispetto e la cura per la terra – in un conglomerato che non solo contribuisce ad alcuni dei gli orrori più eclatanti del mondo, ma si ritrova troppo al di sopra di tutto per affrontarli.

Il genocidio attualmente in corso in Palestina ha distrutto ogni illusione di inclusione e diversità in cui molte aziende affermano di credere, inclusa Apple. E non commettere errori, Apple non è rimasta in silenzio nella sua difesa delle questioni sociali. Nel 2020, il CEO Tim Cook ha inviato un’e-mail poco dopo la morte di George Floyd, affermando: “In Apple, la nostra missione è e sarà sempre quella di creare una tecnologia che consenta alle persone di cambiare il mondo in meglio. Abbiamo sempre tratto forza dalla nostra diversità, accolto nei nostri negozi in tutto il mondo persone di ogni estrazione sociale e cercato di costruire una Apple che includa tutti”. Da allora, l’azienda ha lanciato la sua Racial Equity and Justice Initiative (REJI) e ha chiarito che vuole essere paladina del cambiamento quando si tratta di razza e discriminazione. Ma le azioni intraprese dall’azienda negli ultimi 8 mesi hanno dimostrato che c’è sempre un’eccezione in termini di inclusione e diversità quando si tratta della Palestina.

Il 9 ottobre, Cook ha inviato un’e-mail a tutti i dipendenti con oggetto “Israele”. In esso, ha espresso dolore e simpatia verso gli israeliani che hanno perso la vita o i propri cari il 7 ottobre. Otto mesi dopo, nessun messaggio del genere è stato inviato riconoscendo alcuna sofferenza o perdita palestinese, e la società rimane in silenzio sul genocidio in corso. Questo fallimento nella comunicazione non solo indica chiaramente la parzialità di Apple sulla questione Palestina/Israele, ma ha dimostrato qualcosa che sapevo da anni: Apple Inc. è un'organizzazione sionista che farà tutto il possibile per evitare un conflitto che hanno abbastanza mettersi letteralmente in mezzo.

Nel 2012, Apple ha aperto il secondo centro di ricerca e sviluppo più grande dell’azienda a Herzliyeh, dove da allora ha investito milioni, se non miliardi, nell’economia israeliana. Per darti un’idea di quanto Apple sia vicina agli orrori che accadono in Palestina, il loro quartier generale è a sole 50 miglia dal confine di Gaza, che è la stessa distanza del quartier generale di Cupertino da San Francisco. È curioso il motivo per cui un'azienda che si vanta di essere così inclusiva possa anche prendere in considerazione l'apertura di uffici in un paese trovato da più organizzazioni, come Human Rights Watch E Amnesty Internationaldi essere colpevole di gestire un sistema di apartheid.

Aprendo le porte in Israele, Apple si è immediatamente esposta alle critiche su cosa significhi gestire un'azienda americana in un posto come quello. Non è un segreto quanto sia razzista la società israeliana, quanto gli venga insegnato a disprezzare i palestinesi, che letteralmente si scatenano per le strade di Gerusalemme cantando “morte agli arabi” in ebraico. Quindi, onestamente, è un po’ comico credere che un’azienda che difende così duramente l’uguaglianza razziale possa aprire le sue porte in uno dei paesi politicamente più divisivi al mondo, e rimanere in silenzio su quelle politiche quando sono ormai arrivate al punto di essere così razzista, così vile, che il governo continua ad alimentare un genocidio.

Si potrebbe dire che il silenzio indica una sorta di rispetto. Segno che, forse, Apple sta pensando a come affrontare la situazione, a come correggere i propri errori. Ma alla fine, il silenzio si trasforma in una forma di mancanza di rispetto e di complicità, soprattutto quando ci sono state così tante voci che chiedevano all’azienda di dire qualcosa, e sono passati mesi senza alcun tipo di riconoscimento.

Quando Cook ha inviato quell'e-mail il 9 ottobre, sono andato immediatamente nel mio negozio per scrivere una risposta, nonostante fossi spento. Era un’e-mail scritta con molta attenzione e rispettosa, che sottolineava tutte le ragioni per cui la sua risposta era stata offensiva e tutte le ragioni per cui questa azienda aveva bisogno di dire qualcosa sulla sofferenza palestinese. Pochi giorni dopo, il mio manager è venuto da me per dirmi: “Tim ha letto la tua email”. Sono rimasto scioccato e orgoglioso del fatto che, dopo mesi di tentativi di contattare la leadership esecutiva riguardo ai loro pregiudizi sulla Palestina, qualcuno di importante abbia visto il mio messaggio. Mi è stato detto che tutti coloro che l'hanno visto sono rimasti colpiti dal suo tono e da quanto fosse rispettoso e ben scritto. Eppure, Apple è rimasta in silenzio sulle sofferenze dei palestinesi, e non ho ancora ricevuto una risposta diretta dalla leadership.

Ma so di non essere l'unico dipendente Apple a esprimere le proprie preoccupazioni su come Apple ha gestito questa situazione. Diversi colleghi mi hanno informato di aver anche scritto e-mail a Tim, di aver discusso con i loro manager e di aver cercato di esprimere apertamente quanto siamo feriti dal silenzio di questa azienda. Eppure l’azienda tace.

Per questo ho scelto di avviare una campagna chiamata Apples4Cessate il fuoco a marzo, dove abbiamo raccolto oltre 400 firme di attuali ed ex dipendenti Apple per sollecitare Apple a porre fine al silenzio sulle sofferenze dei palestinesi e a riconoscerci. Il riconoscimento delle perdite e delle sofferenze dei palestinesi è il minimo che questa azienda possa fare, considerando l'e-mail di Tim su Israele.

Ho avviato Apples4Ceasefire non solo grazie all'e-mail di Tim, o per il fatto che lo fossi costretto a rimuovere la mia spilla con la bandiera palestinese nel gennaio del 2023 perché una coppia sionista se ne è lamentata, ma perché ho visto questa azienda ignorare attivamente le richieste di aiuto, e avevamo bisogno di un modo per unirci per dire ad Apple che non erano solo i palestinesi a soffrire, o a essere preoccupati per il loro approccio a questa questione .

Subito dopo, dipendenti da tutto il mondo hanno iniziato a mandarmi messaggi per raccontarmi come Apple avesse bloccato ogni segno di sostegno palestinese nella vendita al dettaglio, in tutto il mondo. Dalla Scozia all’Australia, Apple ha chiarito che se lavori nel settore della vendita al dettaglio, il ruolo più pubblico dell’azienda, non puoi mostrare alcun sostegno alla Palestina.

Questo movimento ne ha suscitati anche altri, inclusa una lettera aperta di un altro gruppo di dipendenti che hanno richiesto ad Apple smette di includere nella propria piattaforma Benevity le organizzazioni che finanziano e armano gli insediamenti illegali in Cisgiordania. Dal silenzio e dalla complicità di Apple emerge un numero sempre crescente di dipendenti che rifiutano di accettare il trattamento che abbiamo subito negli ultimi 8 mesi – e ci sono altri esempi.

Il 1° novembre Apple ha chiuso i canali Slack della comunità musulmana ed ebraica, senza fornire alcuna motivazione. Alcuni mesi dopo, sono stato contattato da qualcuno che all'epoca faceva parte del canale che ha fornito screenshot di quello che è successo, e sono rimasto sbalordito da ciò che ho visto. I sionisti all'interno dell'azienda entravano nel canale musulmano per molestare i dipendenti musulmani e la massa riferiva tutto ciò che trovava offensivo. Molti di questi messaggi segnalati sono stati rimossi, senza nemmeno spiegare il motivo all'autore originale o alla comunità. Uno di questi messaggi era un versetto arabo del Corano e il dipendente che aveva pubblicato quel versetto è stato successivamente licenziato, senza giusta causa.

Ma, per quanto ne so, nessuno dei sionisti che sono entrati nel canale musulmano è stato licenziato. E invece di scegliere di moderare questi spazi, Apple li ha chiusi entrambi. Apple è così terrorizzata all’idea di schierarsi pubblicamente da una parte o dall’altra di questo orrore, che preferirebbe chiudere continuamente entrambe le comunità piuttosto che affrontare il riconoscimento del razzismo consentito dal sionismo. Sono passati otto mesi da ottobre ed entrambi i canali sono ancora chiusi, senza alcuna aspettativa di ripresa a breve.

Dopo la chiusura, tuttavia, Apple ha ospitato tre chat della comunità musulmana tramite WebEx, nel tentativo di “ascoltare la comunità”. Non importa il fatto che la comunità abbia inviato e-mail chiedendo all'azienda di dire qualcosa da ottobre, queste chat sono diventate un perfetto esempio dell'approccio di questa azienda alla Palestina. Nell'ultima chiacchierata, avvenuta poco più di due settimane fa, la vicepresidente per l'inclusione e la diversità, Barbara Whye, e il suo rapporto diretto, Kisha Modica, sono state invitate ad ascoltare, ma nessuno dei due ha colto l'occasione per salutare tramite microfono o chattare o addirittura accendere la fotocamera.

Non molto tempo dopo l'inizio dell'ultima chiacchierata, il silenzio cominciò a riempire la stanza. Due volte in precedenza, lo spazio dedicato alla condivisione era pieno di persone che avevano qualcosa da dire. Ma otto mesi dopo aver visto la nostra famiglia essere uccisa, otto mesi dopo aver assistito a un orrore dopo l’altro sui social media, cos’altro c’era da dire? E quel che è peggio, è che l'approccio silenzioso dell'azienda ai nostri sentimenti avveniva in tempo reale. Stavamo letteralmente piangendo davanti alla leadership esecutiva, esprimendo il nostro dolore, ed erano troppo spaventati anche solo per riconoscere una parola.

Da allora, ho riflettuto su questo approccio che invita i dirigenti ad “ascoltare”, e più ci penso più diventa problematico. Centinaia di dipendenti hanno firmato lettere aperte chiedendo a questa azienda di porre fine al silenzio sulle sofferenze dei palestinesi. Diversi dipendenti sono stati licenziati a causa del loro sostegno alla Palestina, a questo punto abbiamo ospitato più chat della comunità. Eppure, l’unica cosa che la leadership esecutiva può fare è aprire un collegamento WebEx e non mostrare nemmeno la propria faccia?

Nei mesi in cui ho combattuto questa discriminazione in Apple, sono stato estremamente attento a essere il più rispettoso, educato e paziente possibile. Nonostante la perdita di quasi una dozzina di familiari a Gaza, nonostante la rabbia che provo mentre il mondo continua a lasciare che questo genocidio continui, sto attento a ogni parola che dico, perché il mondo considera sempre la rabbia palestinese più pericolosa del razzismo sionista.

Ma nonostante tutto questo, so che una cosa è vera: in soli 8 mesi, Apple ha perso Tutto credibilità come azienda che afferma di credere nell’equità razziale e nella giustizia sociale. La Palestina non è solo la cartina di tornasole, ma la bussola, da cui ogni singola organizzazione e persona su questo pianeta sarà giudicata quando si tratta di queste questioni sociali, e Apple non solo ha fallito in modo spettacolare, ma si è autodistrutta. Nessuna quantità di annunci sull’intelligenza artificiale, nuovi prodotti o distrazioni può allontanare dal fatto che Apple si è chiaramente schierata con un regime fascista e razzista che attualmente si sta sgretolando mentre parliamo.

Ciò che sta accadendo ad Apple non è un caso isolato, è un problema comune a molteplici settori e aziende in tutto il mondo. Credono di combattere il razzismo e la xenofobia, quando in realtà vi contribuiscono. E di fronte al fatto che hanno sostenuto tutte le cose sbagliate, invece di affrontare il problema a testa alta, si nascondono. Rimangono silenziosi. Sperano che le cose passino, così che le cose possano andare avanti come “normali”. Ma attenzione: questo non è un evento mondiale che ci passa accanto; questo non è un rimaneggiamento del risveglio politico del 2020 che non ha causato alcun cambiamento nel modo in cui le forze di polizia uccidono le persone di colore. Il movimento per una Palestina libera e liberata è un evento imponente che cambia il mondo e sta già cambiando drasticamente ogni singolo panorama che tocca, dalla politica agli affari.

Apple ha il coraggio di sfruttare movimenti storici di lotta al pregiudizio e al razzismo, citando più volte negli ultimi anni famosi leader dei diritti civili come Martin Luther King Jr., ma non riesce nemmeno a rispondere a uno dei casi più importanti di oggi dell’ingiustizia sociale e del razzismo, e così facendo la loro difesa si rivela immediatamente essere marketing sotto mentite spoglie.

Adoro questa compagnia. Desidero lavorare qui da quando avevo 15 anni e ho fatto colloqui 10 volte solo per ottenere il mio primo lavoro qui. Credo fermamente che i prodotti Apple rappresentino notevoli risultati tecnologici e che questa azienda sia molto diversa da molte altre. Ma sono le somiglianze che mi uccidono: l’ossessione per il denaro rispetto alle persone, gli investitori rispetto ai dipendenti, le azioni rispetto alle anime. E fa così male che, anche nella migliore delle ipotesi, Apple rappresenti alcuni degli aspetti peggiori della società che diffamano e degradano il popolo palestinese. La mia unica speranza è che il resto del mondo si svegli e faccia capire ad Apple che non sopporteremo più il loro silenzio.

Leave a Response