Intrattenimento

I cinque migliori gatti della storia del cinema

35views

Accade spesso che le persone tendano ad essere a favore dei cani o dei gatti e, nel corso della storia culturale, ne sono il mezzo cinema ha dato vita a molte performance brillanti sia di cani che di felini, con tali animali che spesso hanno addirittura rubato la scena alle loro controparti umane.

In termini di cani, ci sono stati artisti del calibro di Lassie dei film titolari, Toto di Il mago di Oze più recentemente, Messi da Anatomia di una caduta. Ma i cani non sono sempre stati al centro dell'attenzione quando si tratta di animali domestici sul grande schermo perché anche i gatti si sono assunti la loro giusta quota di carico.

Il gatto naturalmente dispettoso può offrire momenti di pura commedia quando provoca il caos in un film, ma può anche offrire un momento di tenerezza quando i tempi si fanno difficili. Naturalmente, non dimentichiamo che i gatti possono anche essere così dannatamente carini che a volte catturano l'attenzione del pubblico anche quando non sono destinati a farlo.

Abbiamo compilato un elenco dei migliori gatti mai arrivati ​​sullo schermo nel corso della storia del cinema, dalle commedie alle simpatiche animazioni fino ai felini che sembrano possedere una notevole capacità di sopravvivenza. Quindi ritrai gli artigli e svuota la lettiera; è il momento di sfogliare i migliori gatti cinematografici di tutti i tempi.

I cinque migliori gatti della storia del cinema:

Signor Jinx da Incontra i genitori

Dopo aver dato così tante performance intense e temibili nella seconda metà del XX secolo, Robert De Niro iniziò il terzo millennio con un brillante ruolo comico. Nel ruolo dell'implacabile padre della fidanzata del personaggio di Ben Stiller, Jack Byrnes ha un amato gatto himalayano che tratta quasi come uno dei suoi figli.

Signor Jinx, come il suo ex proprietario dell'interrogatore della CIA, fa del suo meglio per torturare Greg Focker e farlo sembrare un idiota assoluto, inadatto a sposare la sua ragazza. Robert De Niro aveva ritenuto che Mr. Jinx avesse delle qualità da vera star e aveva chiesto che gli fosse concesso più tempo sullo schermo, portandolo a una follia felina ancora maggiore.

Il gatto con gli stivali da Shrek 2

Di conseguenza sono arrivati ​​diversi personaggi iconici Shrek, ma per quanto riguarda le leggende feline, è difficile guardare oltre lo splendore del caro vecchio Gatto con gli stivali. Apparso sullo schermo per la prima volta nel 2004 Shrek 2doppiato da Antonio Banderas, Il Gatto con gli Stivali alla fine ha ottenuto il suo celebre film, l'omonimo sforzo del 2011.

Liberamente ispirato alla fiaba classica con lo stesso nome con diverse inflessioni di alcuni dei grandi eroi archetipici come Zorro e Indiana Jones, Il gatto con gli stivali è capace di essere allo stesso tempo soave, affascinante e sofisticato e manipolativamente carino, proprio come nella vita reale. i gatti così spesso lo sono.

Signor Bigglesworth da Austin Powers

Sebbene sia considerato ben datato per gli standard odierni, c'è stato un punto in cui il Austin Poteri i film erano la crema della commedia. La parodia del genere dei film di spionaggio è stata vista il cattivo Dr. Evil arriva sullo schermo come satira del classico cattivo di James Bond Ernst Stavro Blofeld.

Blofeld, apparso per la prima volta in Dalla Russia con amore, era noto per accarezzare il suo soffice gatto persiano bianco mentre rivelava i suoi piani atroci, quindi, ovviamente, il Dr. Evil non poteva che avere un gatto completamente glabro chiamato Mr. Bigglesworth, che è sinistro quanto il suo proprietario. Secondo il Dr. Evil, quando il signor Bigglesworth si arrabbia, “le persone muoiono”.

Il gatto di Don Corleone da Il Padrino

Il prossimo iconico gatto del cinema si ritrova in questa lista come un semplice colpo di fortuna. Come nel caso di Blofeld, il personaggio di Marlon Brando in Il Padrino, Don Vito Corleone, si vede accarezzare il suo piccolo amico felino, e ascolta le richieste dei suoi soci. Ma il gatto in realtà non era stato scritto nella sceneggiatura.

Lo stesso Coppola aveva poi spiegato: “Il gatto nelle mani di Marlon non era previsto. Ho visto il gatto correre per lo studio, l’ho preso e gliel’ho messo tra le mani senza dire una parola”. Il leggendario regista sapeva semplicemente che mettere un gatto in grembo a Corleone avrebbe infuso nel personaggio un senso di umanità ed empatia, rendendo la sua morte ancora più commovente.

Jonesy da Alieno

Considerato uno dei più grandi film di fantascienza mai realizzati, il classico di Ridley Scott del 1979 Alieno presenta un gatto di proporzioni davvero eroiche. Portato a bordo della Nostromo per prendersi cura del suo problema con i roditori, il gatto Jonesy finì per essere una delle uniche due creature a sopravvivere alla trama straziante del film, insieme a Ellen Ripley di Sigourney Weaver.

Il temibile antagonista xenomorfo del film spaziale claustrofobico aveva intrappolato Jonesy in una gabbia a un certo punto, ma l'intelligente felino riuscì comunque a scappare e trovò un sonno ristoratore nell'ipersonno con Ripley alla conclusione del film. 57 anni dopo, Jonesy si svegliò il film sequel di James Cameron e si è scoperto essere diventato una vera icona del cinema horror.

Argomenti correlati

Leave a Response