Attualità

I responsabili delle squadre descrivono nel dettaglio le estenuanti ricostruzioni di Roma

25views

Il Team Principal della Jaguar TCS Racing, James Barclay, ha parlato dell'incidente che ha visto sei auto ritirarsi dalla gara di sabato, incluso il suo pilota Sam Bird. L'incidente, avvenuto al 10° giro nella parte più veloce del circuito, ha comportato un periodo di bandiera rossa di 45 minuti ed è diventato la gara più lunga di sempre della Formula E.

“Amiamo questa pista”, ha esordito Barclay. “I piloti amano questa pista. Ma ha sicuramente delle curve molto veloci e molto impegnative. Quel settore della pista, la curva 6, purtroppo ha colto di sorpresa un certo numero di persone sabato.

“Per Sam in gara, si è unito a quel gruppo ed è stato davvero sfortunato che avessimo così tante auto al seguito. Ma la cosa più importante è quanto sia forte la macchina GEN3. È una testimonianza del lavoro della FIA, del nostro team e dei fornitori per costruire un'auto in grado di resistere a quegli impatti enormi, non solo uno ma più.

“Quella è la cosa più importante di ieri; possiamo tornare oggi senza che nessuno si faccia male. È sempre una buona cosa. Come sempre, continuiamo a imparare da questo e a migliorare.”

Pezzo ricostruito da Saunders

Il processo di ricostruzione delle auto è un enorme sforzo, che ha portato i membri del team a rimanere svegli fino alle prime ore del mattino per farle girare e prepararle per il secondo giorno di gara. Per Jaguar e Bird, Barclay ha detto che di solito cercano di valutare i danni prima di impegnarsi in un lavoro così grande, ma in un incidente di questa natura era chiaro che avrebbero avuto bisogno di un nuovo telaio.

“Era abbastanza chiaro, data la portata di quell'impatto, che avremmo avuto bisogno di un nuovo telaio. Era molto, molto chiaro. Abbiamo iniziato subito a preparare e ad essere pronti per costruire una nuova auto. Non un lavoro da poco, perché onestamente non era rimasta una grande quantità di telaio di Sam. Quindi eravamo in un grande cambiamento.

“A volte sei preparato e fai un sacco di lavoro per minimizzare il problema quando succede. Queste sono auto davvero complesse. Quindi una cosa è prendere i pezzi utili dell'auto precedente, metterli sulla nuova auto e poi sostituire le parti completamente rotte. Poi letteralmente avviare l'auto per assicurarti che funzioni davvero. Perché, ancora una volta, devi avere tutti i sistemi rotti, spegnere tutto quell'hardware separato che comunica tra loro.

“Quindi, prima ancora di pensare alle prestazioni, prima di tutto fai bene quella parte. Quindi tutto, dall'hardware, alla carrozzeria e assicurati che la carrozzeria sia pronta per partire e che si adatti bene. È un'operazione enorme.

“Normalmente, ci vorrebbe una settimana e mezza per farlo in fabbrica. E il fatto che molti team lo abbiano fatto durante la notte è una prova delle straordinarie capacità dei meccanici e dei team tecnici. Ci piacciono molti team, lavoriamo anche a turni, solo per cercare di dare a tutti la possibilità di cenare, non puoi farlo solo perché hanno già avuto una lunga giornata con un caldo immenso. È incredibilmente impegnativo dal punto di vista umano”.

Un altro individuo che stava esaltando il suo team era il Team Boss della Maserati MSG Racing, James Rositer. Il suo pilota, Edoardo Mortara, si è schiantato violentemente contro Bird e la sua Jaguar.

Roma ricostruita

“È la dimostrazione del campionato, con procedure di sicurezza così rigide e la macchina stessa”, ha detto alla Formula E. “Siamo stati ovviamente super grati che Edo (Mortara) sia uscito bene, così come Sam e il resto dei piloti. Non c'è niente di peggio per un pilota quando sei fermo in mezzo alla pista in una curva cieca.

“Le auto hanno subito molti danni, ma sono riparabili e siamo grati che tutti nel paddock siano stati al sicuro ieri.

“Quando ho visto lo shunt ero sicuro che avremmo avuto bisogno di un telaio di scorta, quindi non c'è stata molta discussione. Sapevamo di averne uno di scorta acceso negli ultimi 10 giorni, pronto per partire, quindi siamo grati che ci fosse solo un telaio Stellantis da sostituire.

“È stato comunque un gran lavoro e ci sono voluti i ragazzi fino all'01:30 di notte: tutti hanno dato il massimo, è un processo enorme. È stata una grande sfida, ma abbiamo un gruppo di persone fantastiche e abbiamo fatto quello che dovevamo per riuscirci”.

Oltre agli sforzi per accertarsi che la vettura vada bene, è importante anche accertarsi che anche il pilota stia bene, cosa che Rositer sa bene, essendo lui stesso un pilota da corsa.

“Chiunque abbia uno shunt così grande ha bisogno di una chiacchierata, solo per assicurarsi che stia bene. Sono andato a trovarlo al centro medico per assicurarmi che stesse bene durante la bandiera rossa e da allora abbiamo parlato molto.

“Non c'era niente che potesse fare e la prima cosa è assicurarsi che fosse al sicuro e fisicamente a posto. Poi si tratta solo di rassicurarlo che non c'è sicuramente nulla che avrebbe potuto fare in quella situazione, arrivando da un angolo cieco come quello con un'auto che si è schiantata in mezzo alla strada. Avrebbe sempre colpito qualcosa; o il muro o un'auto, è stato semplicemente sfortunato.

“È stato doloroso anche dal punto di vista dei risultati: stava cercando il grande risultato ed è stato super veloce per tutto il giorno”.

Leave a Response