Intrattenimento

Il fondatore di Netflix rivela la strategia che l'ha resa un'azienda da 240 miliardi di dollari

63views

Il fondatore di Netflix rivela la strategia che l'ha resa un'azienda da 240 miliardi di dollari

Il signor Hastings ha guidato l'azienda come CEO per oltre 20 anni.

Il fondatore e presidente esecutivo di Netflix, Reed Hastings, ha recentemente rivelato la tattica che ha portato la sua azienda a valere 240 miliardi di dollari. Stava parlando con l'imprenditore Tim Ferriss nel podcast “The Tim Ferriss Show”. Il signor Hastings ha affermato di avere un termine di tre parole per la pratica nota come “agricoltura per il dissenso”, secondo un rapporto in CNBC.

“Se sei un leader, è importante coltivare il dissenso, perché non è normale non essere d'accordo con il tuo capo, giusto? (Normalmente) impariamo la deferenza”, ha detto Hastings. Tuttavia, ha continuato, i dipendenti devono occasionalmente essere “disposti a discutere” con i loro supervisori perché le aziende spesso richiedono concetti nuovi e approcci innovativi per espandersi.

“Poiché è difficile, emotivamente, nella maggior parte delle aziende non essere d'accordo con il proprio manager, lo chiamiamo allevamento del dissenso”, ha aggiunto. Il fondatore di Netflix ha dichiarato: “Abbiamo manager che fanno cose del tipo [ask]: 'Quali sono le tre cose che faresti diversamente se fossi nel mio lavoro?'”

Prima di assumere il ruolo di presidente di Netflix lo scorso anno, Hastings ha guidato l’azienda come amministratore delegato per oltre 20 anni. Ha dichiarato che una volta all'anno chiederà a “50 alti dirigenti” di “scrivere cosa sarebbe diverso” se fossero alla guida dell'azienda. Ha sperimentato diverse tattiche aziendali utilizzando i loro commenti, e alcune di esse hanno avuto successo mentre quelle che non hanno funzionato sono servite da apprendimento.

Il signor Hastings ha affermato che il momento peggiore dell'azienda, quando ha tentato di rinominare il suo servizio di DVD via posta come un'azienda distinta denominata Qwickster, nel 2011, lo ha ispirato a chiedere un feedback critico. Etichettando il disastro come il suo “fallimento preferito” della sua carriera, ha detto di aver imparato l'importanza di cercare più input e idee prima di prendere una decisione importante.

“A quei tempi non facevamo molta agricoltura per il dissenso. Ero messianico, convinto che questa fosse la mossa giusta… e si è scoperto che molte persone avevano seri dubbi, ma non sapevano che gli altri dirigenti avevano dubbi”, ha detto il fondatore di Netflix.

Secondo Hastings, ha stabilito una procedura in cui sollecitava un feedback onesto su qualsiasi “grande decisione” che l'azienda stava prendendo in considerazione da dozzine di manager e dirigenti di Netflix. “Diamo a tutti (inviare una valutazione), da 10 a -10, se pensano che sia un'idea intelligente. Se lo avessimo fatto in quel momento con (Qwickster), avremmo visto tonnellate di -7, -6, – 8, e sarebbe stato scioccante”, ha detto. Ha aggiunto che questo è stato un “passo molto positivo” che aiuterà Netflix a formulare giudizi migliori in futuro.

Leave a Response