Attualità

Il governo italiano fornirà 46 milioni di dollari in sussidi per progetti blockchain

36views

Il Ministero dello Sviluppo Economico italiano ha annunciato che alcuni progetti blockchain potranno beneficiare di sussidi governativi fino a 46 milioni di dollari a partire da settembre.

In un annuncio martedì, il Ministero disse le aziende e gli enti di ricerca pubblici o privati ​​potranno richiedere finanziamenti al governo per lo sviluppo di progetti legati all’intelligenza artificiale, all’Internet of Things e alla tecnologia blockchain. Il fondo avrà un budget iniziale di 45 milioni di euro – circa 46 milioni di dollari al momento della pubblicazione – per spese e costi da 500mila (per un valore di 512.150 dollari) a 2 milioni di euro (2.048.600 di dollari) come parte degli obiettivi del governo italiano per gli investimenti in tecnologia. , ricerca e innovazione.

“Sosteniamo gli investimenti delle imprese in tecnologie all'avanguardia con l'obiettivo di favorire l'ammodernamento dei sistemi produttivi attraverso modelli gestionali sempre più interconnessi, efficienti, sicuri e veloci”, ha affermato il Ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti. “L’obiettivo della competitività richiede che l’industria manifatturiera innovi costantemente e utilizzi il potenziale delle nuove tecnologie”.

La direttiva del governo è stata resa possibile da un decreto del dicembre 2021 che stabilisce i criteri per l’utilizzo del fondo e da un successivo del giugno 2022 in cui il Ministero ha fissato termini e condizioni per la presentazione delle domande. Secondo il decreto, le aziende di qualsiasi dimensione potranno richiedere sussidi a condizione che i fondi siano utilizzati per IoT, AI o blockchain nei settori tra cui l’industria e la produzione, il turismo, la sanità, l’ambiente e l’aerospaziale.

Imparentato: Quotazioni ETF 'tematici Bitcoin' su Borsa Italiana

Membro dell’Unione Europea, l’Italia sarebbe probabilmente interessata dalle recenti normative concordate dal Parlamento Europeo con l’obiettivo di portare emittenti di criptovalute e fornitori di servizi soggetti al suo controllo giurisdizionale in un unico quadro normativo. L'autorità di regolamentazione dei titoli del paese, la Commissione Italiana per le Società e la Borsa, o CONSOB, ha precedentemente messo in guardia i residenti sui possibili rischi degli investimenti in criptovalute, mentre l'Organismo Agenti e Mediatori è in gran parte responsabile di concessione dell'approvazione normativa per i fornitori di servizi di crittografia: a maggio, l'autorità di regolamentazione ha dato il via libera al principale scambio di criptovalute Binance per aprire una filiale in Italia.