Tecnologia

Il visore Apple utilizzato per due interventi agli occhi: a Catania primi casi al mondo

46views

Per la prima volta al mondo un intervento di oftalmoplastica è stato eseguito con l'utilizzo del visore commerciale Apple Vision Pro. È accaduto al Policlinico di Catania.

Lo rende noto l'azienda ospedaliera universitaria catanese, sottolineando che è stata “la prima seduta al mondo realizzata con l'ausilio di questo dispositivo all'avanguardia non ancora commercializzato in Europa”, che “offre notevoli benefici di carattere sanitario oltre che economico” .

Sono stati due gli interventi realizzati in via sperimentale dall'equipe della clinica Oculistica diretta da Teresio Avitabile, e che hanno avuto esito positivo.
Nella sala operatoria del Policlinico erano presenti gli oculisti Andrea Russo e Matteo Orione che hanno eseguito una “correzione entropion della palpebra inferiore” e una “blefaroplastica curativa” su due pazienti sessantenni.

gli interventi realizzati con il visore apple

Gli interventi, scelti appositamente tra quelli di routine – nel primo caso la palpebra inferiore ruotava verso l'interno dell'occhio determinando delle abrasioni a livello corneale con gravi fastidi e spesse volte ipovisione – hanno permesso ai medici di testare positivamente la nuova tecnica utilizzata finora solo negli Stati Uniti in altre specialità.

Normalmente questo tipo di operazioni viene eseguito a occhio nudo, mentre in questo caso il visore della Apple ha offerto la possibilità di scattare foto e video in tre dimensioni, avendole sempre visibili in uno schermo virtuale e gestibili con un semplice gesto della mano. Il chirurgo ha avuto inoltre la possibilità di confrontare le nuove foto con quelle tridimensionali del pre-operatorio.

i vantaggi della nuova tecnica

Tra i vantaggi della nuova tecnica il Policlinico di Catania cita la capacità di registrare l'intervento, aiutare didattica e collaborazione tra chirurghi a distanza e la possibilità agli di medicina di osservare gli interventi da una prospettiva in prima persona. Infine è resa possibile la collaborazione in tempo reale tra chirurghi con videochiamate e la condivisione dello stesso campo visivo per un'eventuale consulenza e una guida durante gli interventi chirurgici maggiormente complessi.

[email protected]

Leave a Response