Intrattenimento

“La vera Martha di Baby Reindeer lavora con l'avvocato nella causa Netflix.”

46views

ESCLUSIVO: Piccola renna'S nella vita reale Martha sembra mantenere la sua promessa di fare causa Netflixma non ha ancora avuto notizie dallo streamer nonostante sia stata identificata contro la sua volontà e abbia affermato di aver ricevuto minacce di morte e attenzioni indesiderate.

Chris Daw KC, un avvocato con cui lavora Fiona Harvey per avviare una causa, ha dichiarato a Deadline che Netflix non è riuscita a contattarla in alcun modo dopo che è stata messa sotto i riflettori dei media il mese scorso.

Ha detto che la serie, che ha accumulato più di 65 milioni di visualizzazioni dalla prima, ha sollevato seri interrogativi sugli standard di dovere di diligenza di Netflix. Ha chiesto una “grande revisione” delle sue procedure di conformità.

Daw sta mettendo insieme un team di avvocati nel Regno Unito e negli Stati Uniti per perseguire il produttore Netflix Film ClerkenwellE Piccola renna Creatore Riccardo Gaddma deve ancora ricevere istruzioni formali da Harvey.

Crede che Harvey potrebbe avere una causa per diffamazione in seguito Piccola renna è stata pubblicizzata come una “storia vera” e la vedeva dichiararsi colpevole di stalking e condannata al carcere.

Daw ha detto che deve ancora vedere le prove che Harvey sia stato condannato per stalking e molestie, aggiungendo che Netflix non è riuscita a sostenere le affermazioni fatte nella serie di successo di Gadd.

“Dipingere qualcuno come un criminale condannato che ha trascorso del tempo in prigione, quando ciò non è vero, è un chiaro caso di diffamazione, poiché è destinato a causare gravi danni alla reputazione di quella persona”, ha detto.

Daw ha aggiunto che Harvey potrebbe anche avere un reclamo per abuso dei diritti d'immagine. “Ci sono leggi severe sull'uso dell'immagine di una persona a scopo di lucro, soprattutto negli Stati Uniti, che non sembrano essere state prese in considerazione”, ha detto.

Daw ha rifiutato di commentare come viene finanziato il suo lavoro legale.

Netflix non risponde alle richieste relative a Piccola renna. La settimana scorsa è stato chiesto della serie al responsabile delle politiche britanniche di Netflix, Benjamin King durante un'audizione della commissione al Parlamento britannico. Ha sostenuto il fatto che si trattava di una “storia vera” e ha affermato che Netflix ha preso “ogni ragionevole precauzione” per proteggere le identità.

Fonti autorevoli dell’industria televisiva britannica si sono fatte beffe di questa nozione. Un ex dirigente di alto rango della BBC, che ha esperienza nelle procedure di conformità su drammi basati su fatti reali, ha affermato che Netflix avrebbe dovuto modificare i dettagli, inclusa la professione di Martha e la sua nazionalità.

In un'intervista con Piers Morgan la scorsa settimanaha descritto Harvey Piccola renna come “opera di finzione” e ha negato le accuse di stalking. Ha rivelato che Netflix non l'ha contattata prima Piccola renna ha debuttato e ha detto che lo spettacolo l'aveva esposta a minacce di morte e telefonate da parte di sconosciuti.

“Lo trovo abbastanza osceno. Lo trovo orribile, misogino”, ha detto. “Alcune delle minacce di morte online sono state davvero terribili. La gente mi telefona. Sai, è stato assolutamente orrendo.

Leave a Response