Intrattenimento

Lo studio Mosfilm compie 100 anni mentre il cinema russo colma il vuoto lasciato dall'Occidente

71views

Mosfilm, il colosso statale del cinema sovietico e russo che ha prodotto film classici come “La corazzata Potemkin” e “Solaris”, celebra martedì il suo centenario e il suo direttore generale afferma che è ben preparato per prosperare in futuro.

Karen Shakhnazarov, alla guida di Mosfilm da oltre 25 anni, ritiene che lo stallo tra Mosca e l'Occidente sul conflitto in Ucraina dovrebbe avvantaggiare i registi russi.

Mentre alcuni film occidentali vengono ancora proiettati nei cinema russi, spesso molto tempo dopo la loro uscita nelle sale altrove, i film nazionali sono diventati sempre più importanti per gli incassi al botteghino.

“È un regalo per noi”, ha detto Shakhnazarov a Reuters nel vasto complesso Mosfilm alla periferia di Mosca, riferendosi al calo del numero di film occidentali proiettati nei cinema russi.

È stato una delle figure culturali di spicco in Russia a sostenere pubblicamente quella che il Cremlino chiama “operazione militare speciale” in Ucraina subito dopo il suo inizio.

“C’è un altro problema: come possiamo usarlo? Spero che abbia il suo effetto”, ha detto.

“È comprensibile che la concorrenza sia essenziale per l'industria cinematografica, ma ci sono momenti in cui dobbiamo aumentare il livello della nostra produzione cinematografica, e ora è il momento giusto per farlo.”

Gli incassi al botteghino in Russia hanno superato i 40 miliardi di rubli (450 milioni di dollari) nel 2023, secondo Tatiana Golikova, vice primo ministro che è anche responsabile del consiglio di amministrazione del Fondo per il cinema.

Alla fine dell’anno scorso è stata citata la dichiarazione secondo cui i ricavi erano vicini ai livelli pre-pandemici, quando i film occidentali venivano proiettati più frequentemente, e che l’anno scorso i film russi hanno rappresentato 28 miliardi di rubli del totale al botteghino.

ANCORA UNA FORZA

Mosfilm è sopravvissuta sia all'era comunista sovietica, quando i film erano soggetti a una severa censura, sia alla grave recessione economica seguita al crollo dell'Unione Sovietica nel 1991.

Mosfilm produce solo una frazione dei film russi, ma rimane una forza, vantando ampi set all'aperto che ricreano paesaggi urbani dell'era imperiale, studi di registrazione e montaggio avanzati, strutture CGI e un grande complesso cinematografico.

“La Mosfilm non è inferiore a nessuno studio al mondo e ne supera molti”, ha detto Shakhnazarov, che è anche regista.

Il 71enne ha detto di essere orgoglioso dello studio mentre si avvicinava il suo centenario, aggiungendo che sebbene fosse di proprietà statale, copriva le proprie spese.

Il canale televisivo statale Rossiya 1 ha trasmesso un gala il 20 gennaio che ha celebrato figure di spicco del passato tra cui Sergei Eisenstein, che ha diretto e co-sceneggiato il film del 1925 “La corazzata Potemkin”.

Altri film prodotti da Mosfilm includono “Solaris”, il film del 1972 diretto da Andrei Tarkovsky.

Shakhnazarov ha ripetuto le dichiarazioni precedenti secondo cui pensava che la guerra in Ucraina fosse inevitabile e che “è responsabile l’altra parte” – un riferimento all’Occidente.

I suoi commenti riflettono la spiegazione del Cremlino per il conflitto, che viene presentato come una lotta esistenziale per la sopravvivenza contro gli Stati Uniti intenzionati a sottomettere la Russia.

Kiev e i suoi alleati respingono la giustificazione e affermano che il conflitto più mortale in Europa dalla Seconda Guerra Mondiale è un furto illegale di terre in cui le forze russe hanno commesso crimini di guerra. Mosca nega le accuse.

“Quando due persone forti si incontrano, ognuna di loro vuole sempre dominare”, ha detto Shakhnazarov della Russia e dell'Occidente. “È inevitabile”, ha aggiunto, indossando i suoi caratteristici occhiali da sole durante l'intervista.

Ha detto che i film sulla guerra erano più popolari di qualsiasi altro genere in Russia e altrove, cosa che lo ha sorpreso.

Molti dei film di maggior successo di Mosfilm sono stati ambientati durante guerre e sconvolgimenti, tra cui l'ammutinamento, la fallita invasione dell'antica Russia e la Seconda Guerra Mondiale.

“Tutti i nostri più grandi successi, sia sovietici che russi, hanno molti meno spettatori dei nostri film sulla guerra”, ha detto.

(Reuters)

Leave a Response