Tecnologia

Mele che cadono, politica del linguaggio e lezioni da 'Mondo' Duplantis

17views

Se è gratificante essere il detentore del record mondiale più duraturo nell'atletica, battere il proprio record mondiale con una regolarità che sfida le capacità umane deve creare una sensazione di estasi.

Quando ti svegli la mattina dopo e te ne ricordi, devi darti un pizzicotto per crederci.

Penso da una parte alla mezzofondista in pensione Jarmila Kratochvilova dalla Repubblica Ceca e all'americana Florence Griffith-Joyner, e dall'altra al saltatore con l'asta Armand Gustav “Mondo” Duplantis dalla Svezia, che hanno dato grandi insegnamenti ai keniani.

Kratochvilova, 72 anni, della Repubblica Ceca, detiene il record più antico nell'atletica, un incredibile minuto e 53,28 secondi in una gara di atletica a Monaco di Baviera.

La defunta Griffith-Joyner detiene i record mondiali nei 100 e 200 metri femminili, rispettivamente di 10,49 secondi e 21,34 secondi. Duplantis, 22 anni, ha battuto il suo record mondiale di salto con l'asta per la sesta volta, il mese scorso.

Il record di Kratochvilova compie 40 anni quest'anno. Correndo per l'ex Cecoslovacchia il 26 luglio 1983 allo Stadio Olimpico in Germania, l'atleta, che all'epoca aveva 32 anni, corse la gara di due giri a un ritmo che all'epoca era tanto imprevedibile quanto la divisione del suo paese in Repubblica Ceca e Slovacchia, che sarebbe avvenuta 10 anni dopo.

Inoltre, Kratochvilova si è presentata all'incontro detenendo il record mondiale sui 400 metri di 49,59, stabilito a Milano il 7 marzo 1982. Il record è stato battuto il mese scorso dall'olandese Femke Bol.

Negli anni successivi alla sua esibizione a Monaco, ci si sarebbe chiesti se la corporatura muscolosa e la velocità di Kratochvilova fossero state ottenute in modo naturale o se fossero state aumentate tramite l'uso di steroidi anabolizzanti illeciti.

Come Kratochvilova, anche Griffith-Joyner è stata accusata di doping, soprattutto dopo aver aggiunto il record femminile sui 200 metri di 21,34 secondi ottenuto alle Olimpiadi di Seul del 1988 al suo record sui 100 metri, il tutto nello stesso anno.

Ma quando il record di Kratochvilova ha raggiunto quota 34 nel 2017, è successo qualcos'altro che ha minacciato di capovolgere il mondo di Kratochvilova. L'European Athletics, l'organismo che gestisce l'atletica in Europa, ha proposto che tutti i record stabiliti prima del 2005 fossero dichiarati nulli e non validi, in un momento in cui l'organismo mondiale di atletica stava appena iniziando a conservare campioni di sangue e urina per uno screening antidroga più sofisticato.

Se la World Athletics (all'epoca Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica) avesse accettato la proposta, ben 45 record all'aperto, tra cui quelli di Kratochvilova e Griffith-Joyner, sarebbero stati cancellati dall'elenco.

Ma la IAAF ha deciso che per essere ufficialmente riconosciuti come record mondiale, i risultati avrebbero dovuto essere ottenuti in competizioni condotte secondo le regole e i regolamenti in vigore dell'organismo di atletica mondiale, e la IAAF o una delle sue associazioni di area o federazioni membro deve aver ratificato ufficialmente i risultati. La IAAF ha anche specificato condizioni speciali per la validità delle prestazioni in eventi di corsa, gare su pista e su strada.

Il mese scorso, il saltatore con l'asta svedese di origine americana Duplantis ha battuto il suo record mondiale per la sesta volta.

A soli 22 anni, Duplantis ha già vinto praticamente tutto ciò che c'era da vincere nella sua specialità.

È campione olimpico, mondiale ed europeo, nonché atleta mondiale dell'anno in carica, titolo che ha vinto anche nel 2020.

Il 25 febbraio ha saltato 6,22 metri, battendo per la sesta volta il record mondiale di salto con l'asta all'evento All Star Perche del 2023 a Clermont-Ferrand, in Francia, aggiungendo un centimetro al suo record mondiale di 2,1 m stabilito ai Campionati mondiali di atletica leggera del 2022 in Oregon.

Duplantis ha battuto per la prima volta il record mondiale nel febbraio 2020, superando il record mondiale di 6,17 m stabilito dal francese Renaud Lavillenie nel 2014.

Nei due anni successivi ha battuto il suo stesso record altre quattro volte prima del traguardo del mese scorso, migliorandolo per la prima volta a 6,18 m a Glasgow il 15 febbraio.

Duplantis ha poi superato i 6,19 m al Belgrade Indoor Meeting il 7 marzo 2022 e 13 giorni dopo (il 20 marzo), è migliorato ancora a 6,20 m nella stessa sede, quando ha vinto l'oro ai Campionati mondiali di atletica indoor. Ha ora raggiunto 60 superamenti di sei metri o più nella sua carriera.

Ci sono molte lezioni da imparare per gli atleti keniani da Griffith-Joyner e Duplantis. Primo, una mela non cade mai troppo lontano dall'albero.

Il padre americano di Duplantis, Greg Duplantis, è un ex saltatore con l'asta, mentre la madre svedese Helena è un'ex eptatleta e giocatrice di pallavolo. I suoi due fratelli maggiori e la sorella minore erano tutti atleti, evidenziando l'influenza positiva dei loro genitori.

In secondo luogo, è accettabile che gli atleti keniani rispondano alle domande nella loro lingua madre durante i campionati mondiali, perché nessuna lingua è migliore di un'altra.

Duplantis è cresciuto in una famiglia di madrelingua inglese, ma ha imparato lo svedese come seconda lingua. Ha seguito lezioni online per migliorare e quando ha deciso di rappresentare la Svezia anziché gli USA, ha risposto alle domande dei media in svedese.

L'occasione (le selezioni olimpiche statunitensi) per il record mondiale sui 100 metri di Griffith-Joyner dovrebbe ricordare ai nostri dirigenti atletici di organizzare le selezioni secondo standard di livello mondiale.

Non vogliamo che la politica di attrezzature scadenti ostacoli un possibile record mondiale sul suolo keniota.

Leave a Response