Tecnologia

Microsoft lancia il nuovo Bing probabilmente basato sull'intelligenza artificiale GPT-4 di OpenAI

47views

Sono stati mesi difficili per il settore tecnologico. Ci sono stati decine di migliaia di licenziamenticentinaia di miliardi valore perso a Wall Street e un scandalo di alto profilo in una società di criptovaluta che ha scosso la fiducia in quel mercato giovane.

Ma in un centro congressi nel vasto campus di Microsoft, martedì è stato un momento di spavalderia. Dirigenti e ingegneri di Microsoft e un piccolo laboratorio partner di ricerca chiamato OpenAI hanno presentato un nuovo motore di ricerca Internet e un browser web che utilizzano la prossima iterazione della tecnologia di intelligenza artificiale che molti nel settore ritengono potrebbe essere la chiave per il suo futuro.

Questa nuova intelligenza artificiale ha affascinato milioni di persone due mesi fa, quando è stato rilasciato OpenAI un chatbot chiamato ChatGPT. Capace di rispondere a domande, scrivere poesie e riff su quasi tutti gli argomenti che gli si presentavano, ChatGPT ha fornito al settore tecnologico una scossa di entusiasmo nel mezzo della sua più grande contrazione occupazionale degli ultimi 15 anni.

L'entusiasmo attorno alla tecnologia di OpenAI, così come il lavoro di diversi concorrenti che dovrebbero presto raggiungere il mercato, ricorda ai veterani della tecnologia altri momenti che hanno sconvolto la Silicon Valley, dall'arrivo del primo iPhone e del motore di ricerca Google all'era introduzione del browser web Netscape che ha posto le basi per la commercializzazione di Internet.

Microsoft ha cercato di recuperare terreno sui browser e ha mancato di poco il passaggio al mobile computing arrivato con l'iPhone; il suo motore di ricerca Bing è secondo lontano in popolarità rispetto a Google. Ma potrebbe essere la prima grande azienda a realizzare il prossimo grande passo avanti nel campo tecnologico se i chatbot e la tecnologia dietro di loro, chiamata AI generativa, fossero all’altezza delle loro aspettative.

“Questa tecnologia rimodellerà praticamente ogni categoria di software che conosciamo”, ha affermato Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft. Ha aggiunto che “oggi inizia una gara in termini di ciò che puoi aspettarti”.

Martedì, in una stanza affollata da quasi 100 giornalisti, redattori e fotografi, Microsoft ha mostrato un nuovo motore di ricerca Bing. Yusuf Mehdi, vicepresidente aziendale di Microsoft, ha utilizzato una nuova interfaccia di conversazione per cercare un televisore da 65 pollici adatto ai videogiochi. Poiché il servizio elencava i televisori, gli ha chiesto di ridurre l'elenco ai modelli più economici. Lo ha fatto rapidamente.

Ha quindi utilizzato il chatbot per pianificare una vacanza messicana e fare ricerche sui poeti giapponesi. Con una breve domanda, poteva chiedere al sistema di tradurre i risultati dallo spagnolo all'inglese o di mostrare una particolare poesia haiku.

“Vedete, questa è decisamente meglio della ricerca di oggi”, ha detto il signor Mehdi.

Il signor Mehdi ha anche presentato una nuova versione del browser web Edge dell'azienda che offre il proprio servizio chatbot. Dopo aver caricato un comunicato stampa, ha chiesto al bot di riassumere il documento. Gli ha anche chiesto di scrivere un post sui social media sul nuovo motore di ricerca Bing e di generare uno snippet di codice informatico per un nuovo programma software.

Martedì Microsoft ha rilasciato la sua nuova versione di Bing a un numero limitato di persone. Ogni utente potrà eseguire un numero limitato di query e le persone potranno iscriversi ad una lista d'attesa per accedere alla versione completa del servizio. L'azienda prevede di espandere l'accesso a milioni di persone in più entro la fine del mese.

Nadella ha affermato in un'intervista che Microsoft stava lavorando a un “ritmo frenetico” per incorporare la tecnologia nei suoi prodotti. Rilasciando un nuovo strumento di ricerca, quello che ha chiamato “the prodotto più utilizzato sul pianeta” – le persone vedranno come la loro “abitudine quotidiana” potrebbe portare a “qualcosa di magico”.

È importante, ha aggiunto, che Microsoft non si comporti come se fosse “incatenata dalle nostre vecchie attività” quando lavora con la nuova tecnologia. Ma quando si tratta di motori di ricerca, Microsoft, con solo una quota del 3% del mercato globale, non ha molto da perdere.

La partnership è la “migliore amicizia nella storia della tecnologia”, ha affermato in un’intervista Sam Altman, amministratore delegato di OpenAI.

Come servizi simili di start-up come Perplexity e You.com, il nuovo motore di ricerca di Microsoft annota ciò che dice il chatbot, in modo che le persone possano facilmente esaminarne le fonti. Inoltre, si integra con l'indice di tutti i siti Web di Microsoft, in modo da poter accedere immediatamente alle informazioni più recenti pubblicate su Internet. La società ha inoltre affermato che il suo motore di ricerca include una tecnologia progettata per identificare e rimuovere i contenuti problematici dal servizio di chat.

La settimana scorsa, Microsoft ha rilasciato la sua prima integrazione AI in Outlook, il suo servizio di posta elettronica, con a strumento che aiuta i venditori scrivere email personalizzate. Nei prossimi mesi, Microsoft prevede di rilasciare funzionalità con intelligenza artificiale generativa in media ogni settimana, ha affermato Charles Lamanna, un dirigente che supervisiona le applicazioni che Microsoft crea per le aziende.

Ha paragonato questa nuova ondata di tecnologie di intelligenza artificiale all’ascesa di Internet o del personal computing. “Tutti sono in una stanza con le luci spente cercando di sentire che diavolo sono realmente questo mercato e questa opportunità”, ha detto in un'intervista la scorsa settimana.

Ma non è chiaro quanto interesse avranno le aziende per questi servizi perché tecnologie come ChatGPT sono molto più costose da gestire rispetto ai software tradizionali.

“L'economia del software probabilmente dovrà cambiare”, ha affermato Lamanna. “Il software potrebbe essere un po' più costoso, ma farà cose davvero sorprendenti.”

I nuovi chatbot arrivano con dei bagagli. Spesso non fanno distinzione tra realtà e finzione. Possono generare un linguaggio prevenuto nei confronti delle donne e delle persone di colore. E gli esperti temono che le persone li utilizzino per diffondere bugie a una velocità che in passato non era possibile.

“Le aziende spesso mettono sul mercato queste tecnologie troppo in fretta, ignorandone i difetti e cercando poi di risolverli al volo”, ha affermato Chirag Shah, professore dell’Università di Washington che esplora i difetti dei chatbot. “Ciò può causare danni reali.”

Google e Meta era riluttante a implementare ampiamente l’intelligenza artificiale generativa perché i suoi difetti avrebbero potuto danneggiare la loro reputazione. Ma OpenAI, una nuova società senza un vero marchio da proteggere, era disposta a spingersi oltre.

In un Post del blog di 2.000 parole pubblicato prima dell'evento stampa, Brad Smith, presidente di Microsoft, ha definito questo un “anno spartiacque” e ha riconosciuto i potenziali aspetti negativi, invitando a “conversazioni ampie e profonde” sulla questione.

Altman ha sostenuto che era giunto il momento di rilasciare l’intelligenza artificiale generativa a un pubblico di massa. “Siamo ansiosi di continuare a imparare dall’uso nel mondo reale”, ha affermato. “Devi farlo nel mondo reale, non in laboratorio.”

Leave a Response