Intrattenimento

Netflix abbandonerà il piano base senza pubblicità mentre gli streamer aumentano i prezzi

93views

Apparentemente Netflix sta tagliando il suo livello più basso e senza pubblicità in mercati selezionati, una mossa che arriva mentre le piattaforme di streaming cercano di generare maggiori entrate per abbonato sia attraverso la vendita di annunci che attraverso aumenti di prezzo.

La piattaforma di streaming, che ha già reso il suo piano Basic non disponibile per i nuovi membri e per quelli che si uniranno negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito, sembra andare oltre.

“Il piano pubblicitario rappresenta ora il 40% di tutti gli abbonamenti a Netflix nei nostri mercati pubblicitari e stiamo cercando di ritirare il nostro piano Basic in alcuni dei nostri paesi pubblicitari, iniziando con Canada e Regno Unito nel secondo trimestre e proseguendo da lì, ” ha affermato la società in a lettera agli azionisti che accompagnano il quarto trimestre 2023 guadagni risultati.

La mossa arriva perché, a lungo termine, il colosso dello streaming guarda alle vendite pubblicitarie per incrementare le entrate, anche se questa parte del business non è l'obiettivo dell'azienda nell'immediato futuro.

“La pubblicità non sarà un driver primario nel '24”, ha affermato il CFO di Netflix Spence Neumann ha dichiarato in una chiamata con gli analisti discutendo i risultati finanziari del servizio di streaming. “Quando guardiamo [to the next few] anni… ci concentriamo sul miglioramento continuo del nostro servizio. Se lo facciamo bene, avremo più membri, avremo più valore che occasionalmente possiamo valutare e molto coinvolgimento per costruire un business pubblicitario grande e redditizio.

In effetti, in tutto il settore, i principali attori stanno cercando di aumentare le entrate per utente con nuove opportunità per gli inserzionisti e con prezzi più alti. Amazon Prime Video, ad esempio, sta per implementare una nuova $ 2,99 al mese pagare per la visualizzazione senza pubblicità, altrimenti integrando interruzioni pubblicitarie nel suo contenuto: un'opportunità che, secondo quanto riferito, equivale a quasi $ 5 miliardi per il servizio di streaming.

Inoltre, durante lo scorso anno, i principali attori inclusi Disney+Warner Bros.Discovery Massimoe YouTube TV Premium hanno aumentato i prezzi.

I consumatori, da parte loro, avvertono il peso della loro spesa cumulativa per lo streaming. Il rapporto dell’intelligence PYMNTS “Nuovo controllo della realtà: il rapporto busta paga-paga – L'edizione approfondita della spesa non essenziale”, realizzato in collaborazione con LendingClub, che si è basato su un sondaggio condotto su oltre 3.400 consumatori statunitensi, ha rilevato che il 25% degli intervistati ha dichiarato di spendere con indulgenza per i servizi di streaming. Inoltre, i consumatori in difficoltà finanziarie sono i più propensi ad affermare che la loro spesa nella categoria è stata indulgente.

Infatti, di fronte alle sfide legate al pagamento di tutte queste bollette, molti consumatori hanno deciso di tagliare. Studio PYMNTS Intelligence “Il manuale One-Stop per il pagamento delle fatture: fattori determinanti delle priorità di pagamento delle fatture da parte dei consumatori”, basato su un sondaggio condotto su oltre 2.100 consumatori statunitensi, ha rilevato che la maggioranza (55%) annullerebbe gli abbonamenti allo streaming se avesse bisogno di ridurre le bollette ricevute ogni mese. Ciò segna una quota maggiore rispetto a qualsiasi altra fattura ricorrente.

Mentre le piattaforme di streaming cercano di trovare un equilibrio tra generare entrate e fidelizzare gli abbonati, il settore sta assistendo a cambiamenti significativi nelle strategie di prezzo e nell’integrazione degli annunci. Il futuro vedrà probabilmente un’attenzione continua al miglioramento dei servizi e al coinvolgimento dei membri, con il potenziale di ulteriori profitti dalle attività pubblicitarie all’orizzonte.

Leave a Response