Tecnologia

Opinioni da tutto il mondo: 2° rapporto annuale su come la tecnologia personale sta cambiando le nostre vite

61views

Il secondo sondaggio annuale di Microsoft sugli utenti Internet di tutto il mondo, rilasciato qui prima del World Economic Forum che si terrà questa settimana a Davos, in Svizzera, dimostra che quindici anni dopo il 21st secolo, gli utenti di Internet sono ancora convinti che la tecnologia personale stia rendendo il mondo migliore e più vitale. La grande maggioranza della popolazione online in tutti e cinque i paesi sviluppati da noi intervistati (Francia, Germania, Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti) e in tutti e sette i paesi in via di sviluppo da noi intervistati (Brasile, Cina, India, Indonesia, Russia, Sud Africa e Turchia ) affermano che la tecnologia ha notevolmente migliorato il modo in cui fanno acquisti, lavorano, apprendono e in generale svolgono le proprie attività.

Immagine1_1_16

Rispetto al 2014, gli intervistati continuano ad essere più entusiasti degli effetti della tecnologia sull'economia e più preoccupati per la privacy. Il ruolo della tecnologia nei trasporti e nell’alfabetizzazione è aumentato, mentre la capacità della tecnologia di migliorare i legami sociali e potenziare la libertà e l’espressione personale è diminuita. La preoccupazione per la privacy è aumentata di cinque punti.

Ma nel complesso, gli utenti Internet stanno riscontrando:

  • Attivismo sociale accelerato. Gli intervistati in tutti i paesi concordano sul fatto che i social media hanno avuto un impatto positivo sull’attivismo sociale, con alcune preoccupazioni che emergono soprattutto nei paesi sviluppati come Francia, Stati Uniti e Germania. I paesi in via di sviluppo rimangono entusiasti del fatto che la tecnologia apra l’espressione politica, ma quest’anno il loro entusiasmo è stato più moderato (in calo di 6 punti).
  • Migliori affari. In ciascuno dei dodici paesi, gli intervistati affermano che la tecnologia personale ha avuto un impatto positivo sulla loro capacità di trovare prodotti più convenienti, di cui il 77% nei paesi sviluppati e il 72% nei paesi in via di sviluppo. Anche il paese meno entusiasta, la Cina, ci crede al 65%.
  • Esplosione dell'innovazione. In ciascuno dei dodici paesi, gli intervistati ritengono che la tecnologia personale abbia migliorato l’innovazione nel mondo degli affari, tra cui più di tre quarti delle persone nei paesi in via di sviluppo. In Indonesia, Brasile e India, oltre l’80% degli utenti Internet la pensa così.
  • Motore imprenditoriale. In tutti e dodici i paesi, gli intervistati ritengono che la tecnologia personale abbia avuto un impatto positivo sulla capacità di avviare nuove imprese, con Indonesia e Brasile ancora in testa.
  • Un'esplosione di cose da fare. La maggioranza degli intervistati in quasi tutti i paesi ritiene che la tecnologia abbia migliorato la produttività, con una media di più di sette su dieci che lo affermano nei paesi in via di sviluppo.

Sebbene vi sia un ampio consenso sugli impatti positivi della tecnologia nel complesso, si sta delineando anche uno scisma negli atteggiamenti tra paesi in via di sviluppo e paesi sviluppati riguardo al modo in cui la tecnologia influenzerà le persone in futuro. I paesi in via di sviluppo esprimono un profondo e genuino entusiasmo per i vantaggi della tecnologia, mentre i paesi sviluppati – dove la tecnologia è più onnipresente – esprimono maggiori preoccupazioni riguardo alle questioni emergenti. Per esempio:

  • Impatto sui Social Bond. Ben il 60% degli intervistati nei paesi in via di sviluppo ritiene che la tecnologia personale abbia avuto un impatto positivo sui legami sociali, rispetto ad appena il 36% degli intervistati nei paesi sviluppati.
  • Dividere l'economia condivisa. Il 59% degli intervistati nei paesi in via di sviluppo ritiene che i servizi di sharing economy basati sulla tecnologia – come Uber e Airbnb – siano migliori per i consumatori rispetto ai servizi tradizionali come taxi e hotel. Ma il 67% degli intervistati nei paesi sviluppati ritiene che i servizi tradizionali siano migliori per i consumatori.
  • Nei media di cui (non) ci fidiamo. Con un margine di 2:1, gli intervistati nei paesi in via di sviluppo ritengono che la tecnologia personale abbia avuto un effetto prevalentemente positivo sulla fiducia nei media. Ma nei paesi sviluppati, l’impressione è opposta: gli intervistati ritengono con un margine di 2:1 che l’effetto sulla fiducia nei media sia stato principalmente negativo. Queste opinioni opposte nascono dalle abitudini mediatiche dei due paesi: nei paesi in via di sviluppo, il 70% degli intervistati riceve la maggior parte delle notizie dai social media, rispetto a solo il 31% nei paesi sviluppati.
  • Mettersi in forma. La differenza di opinione sull’effetto della tecnologia sul fitness è sorprendente: il 57% degli intervistati nelle economie in via di sviluppo ritiene che la tecnologia personale abbia reso le persone nel loro paese più in forma, grazie ad app per la gestione della dieta, il conteggio delle calorie e gli incentivi all’esercizio fisico, ma il 62% degli intervistati nelle economie sviluppate pensano che la tecnologia personale abbia creato le persone nel loro paese meno in forma, a causa della quantità di tempo che le persone perdono davanti al proprio PC, tablet, console di gioco, ecc.
  • Il tiro ai bambini. Nei paesi in via di sviluppo, la maggioranza dei genitori online (77%) desidera che i propri figli abbiano un maggiore accesso alla tecnologia, ma nei paesi sviluppati, la maggioranza dei genitori online (56%) desidera che i propri figli abbiano meno accesso.
  • STAMINALE e genere. Infine, c’è una vera e propria spaccatura nell’impegno riguardo all’argomento stesso di questo sondaggio: scienza e tecnologia. Sebbene un’ampia pluralità di intervistati in tutti e dodici i paesi ritenga che i migliori posti di lavoro in futuro saranno nell’ambito STEM, meno di sei intervistati su dieci nei paesi sviluppati affermano di essere interessati a lavorare nell’ambito STEM, rispetto all’85% nei paesi in via di sviluppo. E mentre il 77 per cento di donne Gli intervistati nei paesi in via di sviluppo si sentono incoraggiati a lavorare nei campi STEM, cosa che solo una minoranza – il 46% – delle donne intervistate nei paesi sviluppati lo fa.

Lo scisma è significativo perché i paesi in via di sviluppo, con il loro entusiasmo quasi illimitato per la tecnologia personale, rappresentano complessivamente una popolazione circa 6 volte maggiore e una popolazione online circa due volte maggiore. (E quasi tutta la crescita futura è prevista nei paesi in via di sviluppo.) Nel frattempo, i paesi sviluppati, con le loro crescenti preoccupazioni sulla tecnologia, stanno incoraggiando le aziende tecnologiche a realizzare prodotti che non si limitano a lavoro ma lavorare per loro – garantire produttività ed efficienza, ma anche proteggere gli standard e i valori che amano.

La sfida della privacy. Se c’è una preoccupazione persistente riguardo alla tecnologia personale che quasi tutti esprimono, è la privacy. In undici dei dodici paesi esaminati, con l'unica eccezione dell'India, gli intervistati affermano che l'effetto della tecnologia sulla privacy è stato per lo più negativo.

Immagine2_1_16

La maggioranza degli intervistati in tutti i paesi, ad eccezione di India e Indonesia, afferma che le attuali tutele legali per gli utenti di tecnologia personale sono insufficienti, e solo in questi due paesi la maggior parte degli intervistati si sente pienamente consapevole dei tipi di informazioni personali raccolte su di loro. La maggioranza degli intervistati sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo ritiene che i diritti legali degli utenti di Internet dovrebbero essere regolati dalle leggi locali del paese in cui vivono gli utenti; che se un governo straniero desidera che informazioni su una persona siano archiviate in un data center nel paese di quella persona, dovrebbe chiedere il permesso alla persona, non solo al governo; che gli agenti di polizia dovrebbero ottenere un mandato di perquisizione per cercare informazioni personali sui PC; e che le informazioni personali archiviate nel cloud dovrebbero essere soggette almeno alle stesse tutele della privacy delle informazioni personali archiviate su carta.

È una nota di cautela per tutti, sia nel campo della tecnologia che in quello del governo: ignorare la privacy dei cittadini ovunque può causare pericoli ovunque. Ti incoraggio a leggere il sondaggio completo, intitolato “Visualizzazioni da tutto il mondo: 2nd Sondaggio annuale su come la tecnologia personale sta cambiando le nostre vite” facendo clic Qui. Il sondaggio comprende le opinioni di 12.002 utenti Internet negli Stati Uniti, Cina, India, Brasile, Indonesia, Sud Africa, Corea del Sud, Russia, Germania, Turchia, Giappone e Francia ed è stato condotto tra il 17 dicembre 2014 e il 1 gennaio 2015. dalla società di consulenza globale basata sulla ricerca Penn Schoen Berland.

Leave a Response