Tecnologia

Satya Nadella di Microsoft punta tutto sull'intelligenza artificiale

18views

SATYA NADELLA: Quando siamo passati da GPT 2.5 a 3, abbiamo tutti iniziato a vedere queste capacità emergenti. Ha iniziato a mostrare effetti di scalabilità. Non l'abbiamo addestrato solo sulla codifica, ma è diventato davvero bravo nella codifica. È stato allora che ho iniziato a crederci. Ho pensato: “Wow, questa è davvero una cosa”.

C'è stato un momento di illuminazione che ti ha spinto a puntare tutto?

È stata questa capacità di codificare che ci ha portato a creare Copilot. Ma la prima volta che ho visto quello che ora si chiama GPT-4, nell'estate del 2022, è stata un'esperienza strabiliante. C'è una query che uso sempre come riferimento. La traduzione automatica è con noi da molto tempo e ha raggiunto molti grandi traguardi, ma non ha la sottigliezza di catturare il significato profondo della poesia. Crescendo a Hyderabad, in India, sognavo di poter leggere la poesia persiana, in particolare l'opera di Rumi, che è stata tradotta in urdu e poi in inglese. GPT-4 l'ha fatto, in un colpo solo. Non era solo una traduzione automatica, ma qualcosa che preservava la sovranità della poesia attraverso due confini linguistici. Ed è piuttosto bello.

Microsoft investe nell'intelligenza artificiale da decenni: non avevate un vostro modello linguistico di grandi dimensioni? Perché vi serviva OpenAI?

Avevamo i nostri sforzi, incluso un modello chiamato Turing che era all'interno di Bing e offerto in Azure e quant'altro. Ma sentivo che OpenAI stava perseguendo la stessa cosa che stavamo perseguendo noi. Quindi, invece di provare ad addestrare cinque diversi modelli di base, volevo una base, rendendola una base per un effetto piattaforma. Quindi ci siamo associati. Hanno scommesso su di noi, noi abbiamo scommesso su di loro. Loro realizzano i modelli di base e noi lavoriamo molto attorno a loro, inclusi gli strumenti per un'IA responsabile e la sicurezza dell'IA. Alla fine della giornata siamo due aziende indipendenti profondamente associate per perseguire un obiettivo, con disciplina, invece di più team che fanno solo cose a caso. Abbiamo detto: “Andiamo avanti e costruiamo una cosa che catturi davvero l'immaginazione del mondo”.

Hai provato ad acquistare OpenAI?

Sono cresciuto in Microsoft, avendo a che fare con i partner in molti modi interessanti. All'epoca, abbiamo creato SQL Server stringendo una partnership profonda con SAP. Quindi questo genere di cose non mi è estraneo. La differenza è che OpenAI ha una struttura interessante; è no-profit.

Normalmente sembrerebbe un problema che non dà tregua, ma in qualche modo tu e OpenAI avete trovato una complicata soluzione alternativa.

Hanno creato un'entità a scopo di lucro e noi abbiamo detto: “Siamo d'accordo”. Abbiamo una buona partnership commerciale. Ho avuto la sensazione che ci fosse un accordo stabile a lungo termine.

Apparentemente, è impostato in modo che OpenAI guadagni soldi dal tuo accordo, così come Microsoft, ma c'è un limite a quanto profitto può accumulare la tua collaborazione. Quando lo raggiungi, è come se la carrozza di Cenerentola si trasformasse in una zucca: OpenAI diventa una pura organizzazione non-profit. Cosa succede allora alla partnership? OpenAI può dire: “Siamo totalmente non-profit e non vogliamo far parte di un'operazione commerciale?”

Penso che il loro blog lo spieghi. Fondamentalmente, però, la loro idea a lungo termine è che arriveremo alla superintelligenza. Se ciò accadrà, penso che tutte le scommesse saranno annullate, giusto?

Leave a Response