Automobile

23 anni fa Recensione – Una nuova fluidità in pista

19views

Finalmente abbiamo potuto provare Braking Point 2, i nuovi circuiti di Las Vegas e Qatar, F1 World e le altre novità. In questo nuovo tuffo nel gioco, siamo riusciti ad apprezzare anche i cambiamenti nel sistema di guidagrazie ad un incremento della fluidità che non eravamo riusciti a percepire nella build precedente.

Il titolo sarà disponibile su PlayStation, PC e Xbox a partire dal 16 giugno 2023 e avrà piena compatibilità con la VR attraverso i dispositivi: HTC Vive, HTC Vive Cosmos, Valve Index, Oculus Quest 2 + Link Cable, Oculus Rift S.

Dunque, come di consueto, eccoci pronti a raccontarvi tutto quello che sappiamo sul nuovo F1 23.

Il grande ritorno della modalità narrativa

In questo F1 23 torna Punto di frenata 2la modalità narrativa introdotta in F1 2021 che riparte proprio da dove si era fermata. Per chi non avesse avuto modo di vivere l'esperienza passata, sappiate che si parla di una storia girata come se si trattasse della serie “Netflix”Guidare per sopravvivere. Ad aspettarci, ci sarà, anche quest'anno, Aiden Jackson, vecchio protagonista della narrazione.

Inoltre, anche per venire in aiuto a coloro che non hanno avuto modo di giocare il capitolo precedente in F1 2021al lancio di Braking Point 2 verrà mostrato un riepilogo del primo capitolo.

Come accennato, ritroveremo i personaggi del passato Aiden Jackson e Devon Butlerma sotto una veste leggermente diversa. Il padre di Devon, infatti, ha fondato la sua squadra di corse, la Konnersport Racing Team, e gli ormai ex rivali fanno parte dello stesso team. Nonostante ciò, non mancheranno le vecchie rivalità e momenti di tensione saranno forti per tutta la durata della narrazione.

In modo analogo a quanto già visto in Braking Point, questa modalità mette insieme una storia che si sviluppa alternando azioni in pista con filmati che sono sempre più coinvolgenti dal punto di vista scenografico. A livello qualitativo, scene narrate hanno fatto un bel saltorisultando in un balzo in avanti piuttosto impressionante sia nell'animazione che nella narrazione: ci siamo piacevolmente trovati di fronte a sequenze coinvolgenti e ben sviluppate.

Braking Point in questo ritorno fa un bel balzo in avanti.

Non mancano le interazioni in ufficio, dove saremo coinvolti nella gestione dei social media o delle chiamate importanti. Inoltre, saranno presenti anche le interviste che, insieme al resto dei filmati, contribuiranno a mantenere alto il livello di interesse per la storia.

Naturalmente, non siamo alle prese con un gioco di ruolo – pertanto, lo sviluppo della la trama rimane abbastanza prevedibilema comunque piacevole. In questo nuovo capitolo, prendono colore anche i personaggi attorno ad Aiden Jackson, lasciando però indiscusso il protagonista della vicenda.

Dall'altra parte, poi, abbiamo un Devon Butler che non cambia il suo egocentrismo rispetto al passato, rimanendo, di fatto, il vero antagonista della narrazione. Oltre a questi volti familiari, però, arrivano altri nuovi personaggi, come la nuova campionessa di Formula 2, Callie Mayer.

Punto di frenata 2 si sviluppa, quindi, in maniera piuttosto interessanteregalandoci momenti coinvolgenti, grazie ai diversi filmati, ma anche adrenalinici, attraverso le sfide su pista. Inoltre, per mantenere alta la sfida, vengono proposti anche alcuni bonus ottenibili attraverso il raggiungimento degli obiettivi del gioco. Si tratta di sfide abbastanza semplici, soprattutto per i veterani, ma comunque apprezzabili.

In questo nuovo capitolo, saranno coprire sia la stagione di Formula 1 2022 che l'attuale stagione di Formula 1 2023.

Braking Point 2 è, senza dubbio, il ritorno più apprezzato; troviamo sempre un certo fascino nella modalità narrativa all'interno dei giochi sportivi, che danno un tocco in più, rendendo i titoli molto più completi.

Un sistema di guida che si sta evolvendo al punto giusto

Durante la la nostra prima provanon siamo riusciti ad apprezzare particolarmente i cambiamenti di F1 23 nel sistema di guida. In questa nuova build, però, siamo riusciti a diverse piccole sorprese che ci hanno resi molto più fiduciosi sullo sviluppo della serie.

I l Unità di precisionel'ultima trovata di casa Codemasters, inizia a farsi sentire, rendendo fluide e piacevoli anche le giocate con il controller. Questa, però, non è l'unica periferica a beneficiare di un cambiamento: anche giocare con il volante inizia a essere più gradevole.

Ma andiamo per gradi.

In generale, il il sistema ha subito dei piccoli cambiamenti che ci hanno permesso di godere di una guida più piacevole e un po' più vicina alla simulazione rispetto ai capitoli precedenti. La vetturainfatti, sembra leggermente più attaccata a terra e questo vale sia quando giochiamo con il controller, sia quando corriamo con il volante.

In linea di massima, percepiamo una maggiore trazione e maggior grip in pista, e questo ci permette di accelerare di più in uscita dalle curve senza perdere la vettura. Di “contro” (per così dire), abbiamo ottenuto una maggiore difficoltà in frenata; questo risulta molto più aggressivo e si rischia di bloccare gli pneumatici.

Percepiamo questi cambiamenti soprattutto quando ci incontriamo cordoli che, ora, diventano decisamente più realistici. La macchina, infatti, tendono a saltare molto di piùsi muove maggiormente e, di conseguenza, fa più fatica a fermarsi. Un comportamento maggiormente affine alla realtà che viene enfatizzato di più dall'utilizzo del volante.

Per quanto riguarda le periferiche, quindi, abbiamo una maggiore facilità nell'utilizzo del controllerdata proprio dall'introduzione del Precision Drive, che aumenta la fluidità di guida, andando a compensare tutte le difficoltà introdotte dal nuovo modello. Giocare con il pad diventa molto più semplice e lineare.

I l volanteinvece, oltre a percepire bene i cambiamenti legati al sistema di guida, riceve un force feedback maggiore. Se, negli anni passati, ci siamo sempre lamentati che fosse troppo basso, finalmente, possiamo dire di aver ricevuto un piccolo gradito aumento.

Alcune note e qualche novità

In F1 23 non mancano le modalità più classiche, come la Carrierasingolare o a squadre, il Gran Premio, ma anche la F1 World, un interessante evento per gli amanti della Formula 1.

Per quanto riguarda la Carriera, non abbiamo notato particolari stravolgimenti rispetto al passatotutto segue bene o male la stessa struttura di gioco. Potremmo scegliere il nostro avatar, personalizzare la tuta, il casco e – naturalmente – la vettura. Avremo modo di scegliere il nome della scuderia, oltre ad altri diversi dettagli.

Tornano le bandiere rosse e c'è la possibilità di scegliere la lunghezza della gara del 35%.

Per quello che riguarda F1 World, invece, abbiamo un interessante spazio dedicato ai contenuti di gioco. Parliamo di un hub all'interno del quale sono presenti diverse modalità di gioco, dalle esperienze in singolo a quelle in multigiocatore, oltre ai contenuti giornalieri, settimanali e stagionali. Al suo interno non manca un sistema di progressione che ci permetterà di salire di livello durante il corso della stagione.

F1 Mondo è uno spazio ottimo per coloro che affrontano per la prima volta il mondo della Formula 1. I neofiti, infatti, troveranno un luogo accoglientenel quale prendere dimestichezza con il monoposto e tutto quello che li circonda. Ci saranno tanti contenuti a disposizione, interessanti anche per i giocatori più esperti che si troveranno di fronte agli obiettivi da raggiungere.

Le sfide e gli eventi proposti serviranno a metti in gioco le nostre abilitàgarantendoci un aumento di livello e lo sblocco di libri, tute e caschi, oltre all'aumento di esperienza e prestazioni. Non mancherà la possibilità di migliorare il nostro monopostooltre al nostro team.

Non avevamo già parlato nella nostra anteprima, ma è bene ricordarlo: quest'anno tornano le bandiere rosse e viene introdotta anche una nuova lunghezza gara, al 35%.

Per quanto riguarda le bandiere rosse, niente di troppo diverso da quello che accade nella realtà: qualora si dovesse presentare una situazione particolarmente pericolosa in pista – un incidente o un maltempo eccessivo – entreranno in gioco le bandiere e tutte le monoposto dovranno tornare alla pit lane.

Il rientro garantisce un cambio gomme, qualora necessario, e la sistemazione di alcune difficoltà della vettura. Naturalmente, avremo la possibilità di attivarle o disattivarle dal menù di gioco.

La lunghezza al 35%, invece, offre un buon compromesso in gara che permette di godere delle opzioni di gioco più realistiche, senza però andare troppo lontano. Insomma, un buon equilibrio tra strategia e velocità.

Infine, non dimentichiamo l'introduzione dei nuovi circuiti: il Las Vegas Street Circuit in Nevada, negli Stati Uniti, e il Losail International Circuit di Doha, in Qatar.

Tecnicamente avanzato?

Dal punto di vista tecnico, F1 23 presenta alcuni alti e bassi: non eccelle, ma neanche delude – insomma, rimane un po' in un limbo. Non possiamo dire di aver riscontrato problemi durante il gioco, salvo qualche sbavatura che dovrebbe essere limata prima del lancio.

In generale, abbiamo giocato in modo piacevole, senza cali di frame, senza input lag, senza alcun tipo di problema. Il motore grafico, di contro, non ha subito un vero e proprio cambiamento, pertanto, e molti dei modelli sono rimasti gli stessi.

Le vetture sono sempre molto curatesia nei dettagli, sia nella loro messa in pista. Seppurare non possiamo gridare al miracoloabbiamo notato un miglioramento nell'aspetto visivo, in particolare attivando il Tracciamento dei raggi. In questo caso, abbiamo riscontrato un buon miglioramento nella gestione dei riflessi e dell'illuminazione.

Certo che lo è titolo esca ancora su console di vecchia generazione limita molto le potenzialità del comparto tecnico, ma consente a molti più utenti di godere di un'esperienza piacevole, come di solito un'arma a doppio taglio.

Cambia, invece, l'HUD – che si presenta più leggibile, ma anche più in linea con la realtà. Molte grafiche sembrano prese esattamente dalla Formula 1 che siamo abituati a vedere in televisione. Lo notiamo, in particolare, nella presentazione delle classifiche piloti.

In generale, il background mantiene il livello già visto nel capitolo precedente e questo Rendere F1 23 un passo indietro rispetto a quello che avremmo potuto sperare.

Leave a Response