Automobile

Al Salone di Monaco le case automobilistiche cinesi sfidano l'Europa sull'elettrico

84views

I costruttori cinesi ei loro modelli elettrici sono attesi in forze al Salone dell'Auto di Monaco di Baviera che per la sua seconda edizione cerca di aprirsi ancora di più a tutte le forme di 'mobilità di fronte alle proteste ambientaliste. Il tradizionale luogo di incontro del settore automobilistico tedesco – che sara inaugurato martedì dal cancelliere tedesco Olaf Scholz – si svolge in un contesto economico cupo. Guerra in Ucraina, rallentamento della crescita cinese, con una spettacolare espansione nell'eurozona: le nubi si addensano sull'industria automobilistica, un settore chiave dell'industria europea e soprattutto tedesca. Sebbene le vendite di auto nell'Unione Europea siano aumentate negli ultimi dodici mesi, sono ancora inferiori di oltre il 20% rispetto al livello del 2019, prima della pandemia Covid-19.

I produttori storici stanno affrontando una concorrenza sempre più reale da parte della Cina, che minaccia la loro posizione dominante nel futuro mercato delle auto elettriche. «Con l'IAA 2024, i produttori cinesi stanno lanciando il loro assalto all'Europa», riassume Ferdinand Dudenhoffer, esperto del Center Automotive Research in Germania. «La concorrenza si fa sempre più dura», afferma. Il 41% degli espositori ha sede in Cina. E diversi produttori cinesi, tra cui BYD e Leapmotor, potrebbero rubare la scena a Volkswagen, Bmw e Mercedes. Stellantis sarà rappresentata solo dal suo marchio tedesco Opel, mentre per il gruppo Renault, solo l'omonimo marchio si rechera al Salone per presentare la nuova Scenic. D'altra parte, Tesla, notoriamente assente dai grandi eventi automobilistici, tornerà al salone dopo dieci anni di assenza, per rubare la scena ai più grandi marchi europei. Il gruppo di Elon Musk si sta «gradualmente allineandosi al settore automobilistico, e l'azienda che non ha mai fatto marketing sta iniziando a farlo», ha dichiarato Matthias Schmidt, un analista indipendente del settore in Germania.

I produttori tedeschi, a lungo orgoglio nazionale ma ora in uno stato di fragilita, saranno presenti. Cercheranno di convincere i visitatori presentando i loro modelli elettrici di fronte alla concorrenza asiatica. Di fronte alla perdita del potere d'acquisto dei consumatori a causa dell'inflazione, aumentare le richieste di modelli elettrici entry-level. Mercedes presenterà il modello di una concept car elettrica di questo segmento. Sabato, infine, Bmw fornirà maggiori dettagli sulla sua nuova gamma di veicoli basati sulla futura architettura elettrica «Neue Klasse», annunciata due anni fa per la produzione nel 2025. L'imperativo ecologico e un'altra priorita del salone, un luogo di incontro biennale per il settore, ma anche per i suoi detrattori, soprattutto perché i gruppi stanno registrando profitti insolenti, spinti dall'inflazione. I produttori, soprattutto nella fascia alta del mercato, hanno approfittato dell'aumento dei prezzi per aumentare i loro margini. Diversi gruppi ambientalisti hanno annunciato «azioni di disobbedienza civile» per «disturbare» gli Iaa. Circa 1.500 persone dovrebbero partecipare a un «accampamento per la rivoluzione della mobilita», allestito in un parco alla periferia di Monaco.

Secondo gli ambientalisti, le case automobilistiche stanno «distruggendo la vita di innumerevoli persone in tutto il mondo con la loro crescita forzata». In totale sono attesi circa 700.000 visitatori, contro i 410.000 del 2021, che visiteranno gli stand distribuiti tra il centro congressi, dove l'ingresso ea pagamento, e il centro città, dove saranno organizzati eventi gratuiti dedicati alle auto… ma anche alle biciclette. Ribattezzato IAA Mobility nel 2021, quando il tradizionale salone dell'auto tedesco si trasferira da Francoforte a Monaco, gli organizzatori si concentrano più su «mobilita, sostenibilita e tecnologia» che sulle automobili. Si tratta anche di un tentativo di rispondere al calo di popolarità dei principali saloni automobilistici del mondo, che vengono evitati da un numero crescente di produttori che non ne vedono più il valore, soprattutto in termini di pubblicita.


Leave a Response