Intrattenimento

Recensione Teatro Real 2023-24: Recital di Nadine Sierra e Pretty Yende

54views

Nadine Sierra ha ottenuto un grande successo la scorsa stagione con “La sonnambula” di Bellini, che guarda caso era l'aria di apertura di Yende in questo concerto. Ma Pretty Yende ha fatto il suo debutto in casa a Madrid. Entrambi sono molto apprezzati in tutto il mondo e possiamo dire che sono nella top ten dei migliori soprani attuali. Sono in tournée con questo recital da un po' di tempo, e ciò dimostra l'enorme comprensione reciproca e l'alchimia sul palco, in quanto ha mostrato l'interpretazione del duetto dal secondo atto della Norma di Bellini: “Mira, o Norma…” dove non solo le loro voci si fondevano perfettamente insieme, ma la loro interazione e proiezione era sorprendente. Hanno cantato arie del Bel Canto nella prima parte e canzoni “popolari” e di “teatro musicale” nella seconda parte. Cantare un bis unico ma lungo che era un medley di diversi brani musicali come “Edelweiss” e “Over the Rainbow”.

Il soprano lirico leggero sudafricano La bella Yende si è aperto dopo l'interpretazione dell'ouverture di Rossini da “Il Barbiere di Siviglia” durante il concerto con la lunga scena finale de “La somnambule” di Bellini, “Ah! Se una volta sola…” La proiezione della sua voce durante il lungo recitativo era ipnotizzante, il la bemolle di “Non mirar” risuonava nelle orecchie. Con il suo suono cupo e potente, ha colorato la sua voce attraverso le ampie melodie di Bellini che ritraggono la ragazza ingenua sonnambula. L'interpretazione dell'aria “Ah! Non credea mirarti…” era molto commovente e continua con lunghi tratti legati. Il soprano era visibilmente a suo agio con la scrittura centrale di Bellini. La cabaletta “Ah! non giunge” era un'esibizione di scale veloci, involtini, trilli e acuti staccati fino al mi bemolle. Yende ha una tecnica del Bel Canto depurata, quindi la sua coloratura era pulita e sicura, ma la crescita della sua voce ha pagato il suo pedaggio sulla regione superiore del suo registro, e così è passata attraverso i diversi mi bemolle senza trattenerne nessuno.

La sua interpretazione dell'aria di Olympia da “Les contes d'Hofmann”: “Les oiseaux dans la charmille…” si è rivelata esattamente la stessa, immacolata tecnica del Belcanto ma solo note alte staccate che non vanno più in alto di Mi bemolle (evitando le variazioni fino all'acuto F che cantava). Ma diverse note erano un po' calanti, e il suo ultimo mi bemolle sostenuto suonava piatto, forzato e troppo breve. Non è stata affatto una sorpresa che in tutti i duetti con Sierra, Yende abbia cantato versi da mezzosoprano come “Mira o Norma” o “Sous le dôme épais” di Delibe, dove la sua grande voce scura suonava luminosa e confortevole.

Il pubblico ha apprezzato lo sforzo del soprano di cantare due brani spagnoli di Zarzuela da “La Tempranica”: “Sierras de Granada” e “La tarantula e un bicho mu malo” nella seconda parte con una dizione spagnola dubbia e impura. Ha concluso le sue interpretazioni soliste del concerto con la gioiosa “Art is Calling for Me” da “The Enchantress”. In generale è stata un'incredibile presentazione del soprano al Colosseo dell'opera spagnolo, ma non mi sorprende che trasformerà la sua carriera in ruoli lirici, abbandonando i ruoli di coloratura che ha cantato fino ad ora. Ha annunciato che debutterà con Leonora ne “Il Trovatore” di Verdi.

Il soprano americano Nadine SierraLa prima interpretazione di è stata il duetto dal secondo atto di “Norma”, “Mira o Norma”, che era un pezzo perfetto per scaldare la voce sul palco mentre cantava insieme a Pretty Yende e la sua voce non era esposta. Poiché il duetto è stato eseguito nella tonalità originale (di solito è cantato un tono più basso quando Adalgisa è cantata da un mezzo soprano o Norma da un soprano drammatico) ha avuto diverse ascensioni al si bemolle e al do acuto. La sua voce vellutata e brillante si accompagna perfettamente al grande strumento di Yende.

Il suo primo intervento da solista è stato il primo atto lungo dell'aria di Violetta “E strano…Ah! Forse lui…Sempre libera” e questo è un pezzo che lei conosce bene poiché Violetta è uno dei suoi ruoli distintivi. Sembrava così facile e naturale che hai dimenticato le difficoltà di questo pezzo: la coloratura diabolica, il Do acuto e il Re bemolle, mentre le sue note alte suonavano sicure, supportate e forti. Ha interpolato un bellissimo re bemolle e un do acuto nella cadenza dell'aria e ha terminato il pezzo con un mi bemolle acuto. Ma non si trattava solo di fuochi d'artificio vocali, il grande contrasto era tra il forte fortissimo “per l'aride follie” e il sussurro “del viver mio” da far rizzare i capelli. Ha navigato senza sforzo e facilmente attraverso le lunghe linee legate, con incredibili pianissimi impennati e forti forti squillanti. Ma soprattutto ha brillato per la sua straordinaria interpretazione: i suoi dubbi iniziali, la sua interpretazione dell'amore, la sua lotta contro i propri sentimenti che è culminata nella cabaletta. Si potrebbe dire che fosse sempre nel personaggio, mostrando la sua visione di Violetta. È aneddotico che Pretty Yende abbia cantato le battute di Alfredo fuori dal palco in “Sempre libera”, aggiungendo un Do alto alla melodia “Croce e delizia”.

Il suo successivo pezzo solista fu il valzer del primo atto di Julieta dal capolavoro di Gounod (un ruolo che aveva appena interpretato al Met). La sua interpretazione è stata vivace, gioiosa ed esplosiva. Ha ottenuto ancora una volta le richieste della coloratura, le scale veloci e le note alte, ma questo è sempre stato al servizio della sua interpretazione che era il ritratto di una dolce ragazza ingenua e innocente.

La prima parte si è conclusa con il famoso duetto floreale da “Lakme” di Delibe, dove le voci di entrambi i soprani navigavano svettanti attraverso la lunga melodia fluttuante e le cui voci erano in perfetto equilibrio e si fondevano perfettamente. Hanno terminato il duetto cantando le ultime battute fuori dal palco come di solito viene messo in scena negli spettacoli.

Come ha fatto la sua collega, Sierra ha offerto due canzoni in spagnolo per la seconda parte, “Me llaman la primorosa” della zarzuela “El barber de Sevilla” e la canzone popolare “Bésame mucho” di Consuelo Velazquez. La sua dizione spagnola era chiara e sicura, e ancora una volta si poteva vedere che il soprano si stava godendo la performance, a giudicare dai suoi gesti e da come gioiva ad ogni battuta.

Dopo una forte ovazione da parte del pubblico, i soprani hanno offerto un unico lungo bis che era un medley di classici come “Edelweis” e “Over the Rainbow”.

Il conduttore Pablo Mielgo realizzato seguendo i soprani, respirando con loro e sfruttando tutte le potenzialità timbriche dei vari brani, che è quello che ci si aspetta da un direttore d'orchestra da un concerto solista. Con l'orchestra del Teatro Real hanno proposto una divertente ouverture del “Barbiere di Siviglia” di Rossini, il preludio della zarzuela “El tambor de Granaderos” e la divertente ouverture del “Candide” di Berstein. Ci si potrebbe aspettare che Sierra cantasse la famosa aria “Glitter and be Gay”. L'orchestra suonava brillante e potente senza indebolire le voci dei soprani.

È stata una notte memorabile. Non è comune sentire due grandi soprani condividere il palco con tanto entusiasmo e umiltà. È stata una presentazione perfetta di Pretty Yende al Teatro Real e ha riaffermato Sierra come uno dei favoriti del pubblico madrileno.

Leave a Response