Tecnologia

Come Google ha sfidato le probabilità nel mercato dei pagamenti online da 1,7 trilioni di dollari dell'India

17views

Big Tech considera l’India un mercato importante quando si tratta di ricerca, social media, messaggistica ed e-commerce. Il fintech, però, è un’altra storia.

I giganti della tecnologia degli Stati Uniti sono stati a livello globale dietro la curva su FinTech, quindi non è una sorpresa che abbiano sottoperformato in un mercato delle finanze digitali ultra competitive come quella dell'India. Nonostante i suoi migliori sforzi, sia prendendo una partecipazione in Jio o tramite WhatsApp Pay, Facebook ha lottato per sviluppare una nicchia di mercato nel subcontinente. Amazzonia
AMZN
, che ha una considerevole attività di e-commerce in India, non è stata in grado di convertire Amazon Pay in un importante portafoglio elettronico nel paese. Anche PayPal
PYPL
la più importante compagnia fintech degli Stati Uniti, è uscita dal mercato dei pagamenti nazionali dell'India all'inizio del 2021.

Google
GOOG

GOOG
La retribuzione è un'eccezione a questa regola. Secondo Watcher.guru, l'app per i pagamenti ha 67 milioni di utenti in L’India, di gran lunga il suo mercato unico più grande: Google Pay ha circa 150 milioni di utenti a livello globale. Ha la seconda quota di mercato più grande sulla ferrovia Paramount United Payments Payments e ora sta spingendo nei prestiti dei consumatori e dei commercianti.

Allineamento con UPI

Google Pay ha avuto molto successo nel collegarsi con UPI, il più importante sistema di pagamenti al dettaglio in India. Da 2018, Secondo il Ministero delle finanze dell'India, il volume delle transazioni UPI è aumentato da 920 milioni a 83,75 miliardi, mentre il valore di tali transazioni è saltato da 1 trilione di rupie indiane ($ 12 miliardi) a 139 trilioni di rupie indiane ($ 1,7 trilioni). Non è un caso che le app di pagamento digitale di maggior successo in India siano anche quelle con la più forte presenza su UPI.

Durante questo periodo, Google Pay è solitamente riuscita a mantenere una quota di mercato pari ad almeno il 33% dei pagamenti UPI. Attualmente conta circa a 35% di quota, secondo solo a Walmart
WMT
-Fepone backed basato sui dati della National Payments Corporation of India.

È vero che PhonePE ha consumato la quota di mercato di Google Pay negli ultimi anni e ha preso un vantaggio comandante con circa il 50% del mercato UPI in base ai dati NPCI. Tuttavia, altri concorrenti non sono riusciti a scalzare Google dal secondo posto. Paytm è rimasto bloccato al 15% o meno e WhatsApp Pay non riesce nemmeno a raggiungere il 5%. Né Amazon Pay può farlo in base allo stesso set di dati.

Nel frattempo, data la sua quota di mercato, anche se a in attesa del tetto del 30%. Sulle transazioni UPI mensili elaborate da società di pagamento di terze parti dovevano essere implementate dai regolatori come previsto in un anno-sospettiamo che potrebbe essere silenziosamente accantonato invece data la sua mancanza di praticità-Google Pay sarebbe influenzato significativamente inferiore a PhonePE.

Gestione delle sfide normative e legali

Oltre alla sua esperta attenzione alla quota di mercato della crescita, Google è riuscito a evitare di essere inciampato dai travagli normativi e legali anche se è stato ordinato di pagare multe rigide dal cane da guardia antitrust dell'India. Mentre pesante a $ 162 milioni e $ 113 milioni, le due multe, rispettivamente imposto alla fine del 2022 Per abusare del dominio di Android e del rifiuto di aprire il Google Play Store alle app di pagamento di terze parti, dopo che Google aveva già stabilito una posizione di mercato dominante. Google Pay non può essere facilmente rimosso ora data l'ubiquità del suo ecosistema nel mercato dei pagamenti digitali dell'India, mentre per un'azienda delle dimensioni di Google, le multe sono gestibili.

Ora immagina se Google Pay avesse dovuto affrontare lo stesso tipo di ostacoli di WhatsApp Pay. L'azienda di proprietà di Facebook è sempre stata vista da alcuni osservatori in India, dotati di vantaggi ingiusti nei pagamenti, data la sua base di utenti dell'app di messaggistica di grande e quindi è stata limitata in termini di ciò che può offrire utenti indiani. Attualmente WhatsApp Pay può ancora offrire servizi solo a circa 100 milioni dei suoi 500 milioni di utenti indiani ed è comunque entrato nel mercato così tardi che sta giocando un perenne gioco di recupero.

Da parte sua, Amazon è stato assalito dal 2019 in una battaglia legale eliminata con il rivenditore indiano Future Group, mentre AmazonPaga A marzo è stato multato di 30,7 milioni di rupie indiane ($ 375.000) dalla Reserve Bank of India per non conformità con le indicazioni su strumenti di pagamento prepagato e regolamenti di conoscenza.

Costruire pazientemente un ecosistema

Guardando al futuro, prevediamo che Google Pay si baserà pazientemente e metodicamente sulla sua posizione forte di un portafoglio elettronico in India svilupperà un ecosistema di servizi finanziari digitali più ampio. Cofondatore Sujith Narayanan ha accennato a questo approccio nel 2020 in un articolo di Tech Crunch: “Quando stavamo costruendo Google Tez [Google Pay’s predecessor], Ci siamo resi conto che il percorso finanziario di un consumatore si estende oltre i pagamenti digitali. Vogliono assicurazioni, prestiti, opportunità di investimento e più prodotti “, ha detto alla pubblicazione.

Tre anni dopo e possiamo vedere la visione di Narayaan sta diventando realizzata. In ottobre, Google Pay ha annunciato che stava collaborando con le banche indiane e altri istituti finanziari nel tentativo di espandersi sia nei prestiti dei consumatori che dei commercianti. Per Crunch tecnologicouna partnership con Axis Bank consentirà a tale istituzione di fornire prestiti ai singoli utenti di Google Pay fino a $ 9.600, mentre un accordo con ICIC Bank fornirà linee di credito in cima a UPI ai commercianti.

Non è chiaro quanto siano redditizie queste partnership per Google Pay poiché non fornisce prestiti stessi o sottoscrizione dei clienti: manca delle licenze necessarie. Detto questo, la divisione di pagamenti digitali del gigante della tecnologia è sulla buona strada, seguendo i pagamenti a basso margine a segmenti di servizi finanziari a margine più alto.

Forse se la sua fortuna vale sul fronte regolamentare, Google potrebbe prendere in considerazione l'idea di cercare di acquisire una banca locale in futuro (con tutte le sue licenze di accompagnamento), in particolare un prestatore più piccolo che trarrebbe beneficio in modo significativo di far parte dell'ecosistema del gigante della tecnologia, anche se per ora è probabilmente meglio attenersi alle partnership strategiche.

Leave a Response