Attualità

Facebook e Instagram inattivi, quasi 2 ore di problemi di accesso per Meta. Poi la ripresa

63views

Centinaia di migliaia le segnalazioni registrate da Downdetector a partire dalle 16 di oggi, 5 marzo, prima della graduale risoluzione tra le 17:30 e le 18. Non è solo l'Italia a essere rimasta coinvolta: i disservizi hanno toccato anche altri Paesi. Non è del tutto chiaro cosa li abbia causa. Il capo della comunicazione di Meta ha parlato di “un problema tecnico”. Si è salvata WhatsApp

Il tuo browser non supporta HTML5

Problemi nel pomeriggio per le app legate a Meta: Facebook, Instagram, Threads e Facebook Messenger hanno smesso di funzionare, come certificato dalle centinaia di migliaia di segnalazioni registrate dal portale Downdetector e simili a partire dalle 16 di oggi, 5 marzo. Tra le 17:30 e le 18 è iniziata la graduale ripresa del loro funzionamento. I disservizi hanno coperto sia le versioni desktop che quelle per smartphone e non hanno riguardato soltanto l'Italia. C'è chi non è riuscito ad accedere ai social e chi invece, pur accedendo, non è riuscito a caricare le pagine per vedere e pubblicare post. Non sono mai sorte particolari problematiche per WhatsApp, anche questa parte di Meta. Non è però del tutto chiaro a cosa sia stato dovuto il tilt. Su MetaStato, il portale a cui far riferimento in questi casi, si è parlato di “gravi interruzioni”. Il direttore delle comunicazioni di Meta, Andy Stone, su X ha fatto riferimento a “un problema tecnico”, scusandosi per gli “eventuali disagi” causa. Sono arrivati ​​segni di malfunzionamento nel caricamento dei video anche su YouTube, slegata da Meta.

Facebook inattivo: cosa è successo

Su Facebook in molti sono stati disconnessi in automatico dal loro profilo. Al momento dell'accesso veniva richiesto di inserire la password, che poi però risultava sbagliata. Log-in, caricamento e app in generale sono i campi più problematici, come segnalato da Downdetector.

Instagram giù: cosa è successo

Su Instagram per molti utenti non è stato a lungo possibile aggiornare il feed, caricare o visualizzare reel, storie e post. In questo caso i problemi sono stati quindi legati a caricamento, app e profilo.

Le segnalazioni su X

Come sempre in queste situazioni, il mondo dei social si è subito riversato su X: gli hashtag #facebookdown e #instagramdown in pochi minuti sono schizzati in cima ai trending topics.

GGU4BQ_WwAA4rSx




leggi anche

New York fa causa a TikTok, Facebook e YouTube: “Danneggiano giovani”


I picchi di segnalazioni arrivate a Downdetector tra le 16 e le 17 di oggi 5 marzo – Downdetector

Meta: problema tecnico risolto, ci scusiamo per disagio

I media statunitensi si sono concentrati sul fatto che l'interruzione delle app di Meta è avvenuta durante il Super Tuesday, il giorno in cui milioni di persone votano alle primarie in 15 stati e un territorio. I siti specializzati in tecnologia hanno riportato segnalazioni di interruzioni anche a Youtube, Google e Google Play. Secondo il sito DownDetector, che monitora i disservizi delle piattaforme online, per Facebook è stato raggiunto un picco di circa 500 mila segnalazioni, per Instagram di 70mila. Anche Threads, la rivale di X lanciato nel 2023 e disponibile in Italia dallo scorso dicembre, ha subito interruzioni. Facebook ha avuto un disservizio simile nell'ottobre 2021, attribuito a problemi tecnici e non a un attacco alla sicurezza come inizialmente temuto. Oggi, al culmine del problema, la pagina status Facebook destinata agli inserzionisti spiegava che la piattaforma stava subendo “gravi sorprese” e che “i team di ingegneri stavano cercando attivamente di risolvere il problema il più rapidamente possibile”. Secondo le segnalazioni, anche la piattaforma per i visori di realtà virtuale di Meta ha avuto problemi, non consentiva agli utenti di accedere. Stando ai dati ufficiali di fine 2023 della società di Mark Zuckerberg, ogni mese nel mondo 3,9 miliardi di persone utilizzano almeno una delle app di Meta.

Stati dove si vota nel Super Tuesday




vedi anche

Usa 2024, oggi è il Super Tuesday: si vota in 15 Stati e un territorio

Leave a Response