Attualità

Il “piano” australiano per le emissioni nette zero: le cinque cose che dovresti sapere | Notizie dall'Australia

25views
Indagini ambientali

Il “metodo australiano” di Scott Morrison non prevede nuove politiche di riduzione delle emissioni

Mercoledì 27 ottobre 2021 01:30 CEST

Il piano del primo ministro per raggiungere lo zero netto entro il 2050 è già stato oggetto di un attento esame da quando è stato presentato martedì. Ma cosa significa tutto questo? Ecco le cose fondamentali che devi sapere.

1. Non ci sono nuove politiche

Straordinariamente, dato che è in lavorazione da anni, l’Australia ha pubblicato un piano di riduzione delle emissioni a lungo termine che non contiene nuove politiche di riduzione delle emissioni. Morrison ha descritto il piano come “il modo australiano”.

Una presentazione lanciata dal ministro per la riduzione delle emissioni, Angus Taylor, era esplicita: “Il piano si basa sulle nostre politiche esistenti”.

Taylor afferma che sono guidati da cinque principi: la linea ripetuta dalla Coalizione secondo cui essa sostiene “la tecnologia, non le tasse” (ignorando che la tecnologia è pagata con le entrate fiscali); nessuno sarà costretto ad agire (“scelte, non mandati”); il costo delle tecnologie diminuirà; ci sarà “energia accessibile e affidabile”; il governo “sarà responsabile del progresso”.

Scomposto, significa che il governo sta più o meno sostenendo che il suo percorso attuale sarà sufficiente. Lo sostiene sostenendo che ha fatto qualcosa: le emissioni sono già diminuite del 20% dal 2005.

Ma se si esclude l’impatto del Covid-19, le emissioni nazionali sono diminuite di poco più del 3% da quando la Coalizione è stata eletta nel 2013. Quasi tutto il taglio dal 2005 è arrivato quando il partito laburista era al potere, ed è stato principalmente dovuto ai cambiamenti di stato. leggi sul disboscamento e sulla silvicoltura.

Ci sono un paio di piccole modifiche al piano. Il “solare a bassissimo costo” è stato aggiunto a un elenco di tecnologie prioritarie, ma non è immediatamente chiaro quale differenza farà: il solare è già economico e il rapporto si vanta che le agenzie governative hanno investito più di 4,3 miliardi di dollari nel solare per aiutalo ad arrivare a questo punto.

Il governo afferma di voler istituire uno schema internazionale di crediti di carbonio con i suoi partner nel “Quad” – Stati Uniti, India e Giappone – che potrebbe essere significativo se venisse avviato, anche se ci sono pochi dettagli.

Il piano menziona anche i cambiamenti già in corso al meccanismo di salvaguardia – una politica che avrebbe dovuto limitare l’inquinamento industriale da carbonio, ma non lo ha fatto – che offrirebbe incentivi alle aziende per effettuare tagli, ma Taylor ha escluso di richiedere alle aziende di ridurre le emissioni.

Non sono previsti nuovi finanziamenti allegati al piano. Morrison ha indicato che ciò potrebbe cambiare in un bilancio pre-elettorale, ma per ora – nonostante le affermazioni del primo ministro che l’Australia sia un leader globale negli investimenti in tecnologie pulite – spende molto meno di alcuni paesi comparabili, come Germania e Corea del Sud.

2. Non esiste un piano vero e proprio. La tecnologia ci salverà

Il grande tema è che, contro la tendenza globale, nulla sarà obbligatorio. In pratica, il governo pagherà per alcune tecnologie e alcuni incentivi alle industrie emittenti, e il mercato (scelta aziendale e dei consumatori) farà il resto.

Ciò, ovviamente, significa che il piano di riduzione delle emissioni non è un piano in senso letterale. Non esiste una tabella di marcia verso lo zero netto.

Il governo presume che la maggior parte dei tagli avverrà più vicino al 2050 che oggi, un approccio che i critici hanno rapidamente paragonato agli annunci di zero emissioni nette da parte dei ritardatari del clima Arabia Saudita e Russia. È l'opposto di ciò che gli scienziati affermano sia necessario.

Scott Morrison ha sottolineato che il piano zero emissioni non “chiuderà la produzione di carbone e gas”. Fotografia: Lukas Coch/AAP

I modelli elaborati dal personale del dipartimento dell’energia e dai consulenti di McKinsey suggeriscono che “le tecnologie prioritarie esistenti” ci porteranno “per l’85%” verso lo zero netto, con il 40% del totale proveniente dalla tabella di marcia degli investimenti tecnologici del governo, che mira a ridurre i costi. di cose come lo stoccaggio dell’energia, la cattura e lo stoccaggio del carbonio (CCS) e l’idrogeno “pulito”, l’acciaio e l’alluminio.

È impossibile valutarlo – il modello in sé non è stato rilasciato e Morrison ha detto solo che sarebbe uscito “prima o poi” – ma sembra un'affermazione notevole. La tabella di marcia tecnologica non è progettata per ridurre l’anidride carbonica di una determinata quantità. Il suo obiettivo è ridurre il costo delle tecnologie a basse emissioni in vari periodi – in alcuni casi un paio di decenni – in modo che possano competere a livello commerciale.

Il rapporto afferma che il 15% delle emissioni tagliate entro il 2050 proverrà da un vago quadro descritto come “tendenze tecnologiche globali”, e tra il 10% e il 20% dalle compensazioni – il che suggerisce la creazione di molti nuovi alberi e lo stoccaggio del carbonio nel suolo.

Il restante 15% deriva da “ulteriori innovazioni tecnologiche” non specificate.

Nel complesso, l’affermazione è che lo sviluppo tecnologico fornirà circa il 70% del taglio richiesto, la maggior parte in 20 anni circa, e più della metà sarà il risultato della politica della tabella di marcia tecnologica di Taylor.

3. Fa molto affidamento sulle compensazioni e sulla cattura del carbonio

Come accennato in precedenza, il piano presuppone che le compensazioni svolgeranno un ruolo importante nel raggiungimento dello zero netto. Non è chiaro in che misura ci si aspetta che il governo e le imprese, agendo volontariamente, pagheranno per questi costi.

Le compensazioni sono una questione controversa: il “netto” nello zero netto implica che faremo affidamento su di loro per assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera per annullare le emissioni che sono troppo difficili o costose da eliminare completamente. Più vegetazione e suoli più sani sono soluzioni naturali.

Ma come dice il proverbio, non è possibile compensare per raggiungere lo zero. Se si vuole evitare il peggio della crisi climatica, le compensazioni devono essere usate con parsimonia, non come scusa per utilizzare i combustibili fossili quando ci sono alternative. Una ricerca condotta da ClimateWorks Australia lo scorso anno ha rilevato che opzioni pulite a prezzi accessibili sono già disponibili in gran parte dell’economia.

Il governo non è d'accordo. I suoi modelli suggeriscono che le emissioni della grande industria, dell’estrazione mineraria e del manifatturiero saranno ridotte solo del 18%-54% entro il 2050 e che le compensazioni potranno assorbire il resto.

In modo controverso, include anche la CCS – la cattura delle emissioni in un sito industriale e il loro pompaggio sottoterra – come compensazione, e suggerisce che sarà necessaria per effettuare grandi tagli.

Miliardi sono stati impegnati nella CCS con scarsi risultati fino ad oggi. Se mai dovesse funzionare su larga scala, questa tecnologia sarà utilizzata per limitare le emissioni in particolari sviluppi industriali di combustibili fossili.

Non doveva essere utilizzato come giustificazione per il proseguimento delle emissioni da un altro sito. Ma il governo ha recentemente accreditato la CCS come metodologia di compensazione nell’ambito del suo fondo per la riduzione delle emissioni.

4. Descrive il gas naturale liquefatto – un combustibile fossile – come “pulito”

E come “basse emissioni”. Nessuno dei due è vero (a meno che non venga combinato con la CCS, cosa che ad oggi avviene in un solo e problematico sito australiano – il progetto Gorgon della Chevron – dove solo una frazione delle emissioni totali viene catturata e immagazzinata sottoterra).

Il gas è un combustibile fossile con circa la metà delle emissioni del carbone quando viene bruciato, e di più quando il metano – un combustibile fossile particolarmente potente – perde durante l’estrazione o il trasporto. Fotografia: Bloomberg/Getty Images

Il gas è un combustibile fossile con circa la metà delle emissioni del carbone quando viene bruciato, e di più quando il metano – un gas serra particolarmente potente – perde durante l’estrazione o il trasporto.

Il rapporto sulle emissioni nette zero parla di migliorare la “competitività a lungo termine” del GNL, e Morrison ha sottolineato durante la conferenza stampa che il piano sulle emissioni nette zero non “bloccherà la produzione di carbone e gas”.

5. Si prevede una riduzione annua delle emissioni appena dell’1% fino al 2030

Insieme al piano zero emissioni, il governo ha anche pubblicato le sue proiezioni annuali sulle emissioni – fondamentalmente, dove si prevede che le politiche esistenti porteranno il paese al 2030.

Le proiezioni suggeriscono che ora ci si aspetta che l’Australia faccia meglio del suo obiettivo ampiamente criticato per il 2030 di un taglio del 26-28% rispetto ai livelli del 2005. Sulla base delle politiche esistenti, dicono che dovrebbe arrivare almeno al 30%.

Le proiezioni dicono che potrebbe arrivare fino al 35% se si tiene conto della tabella di marcia degli investimenti tecnologici. Come ha spiegato l’analista climatico e autore Ketan Joshiin realtà il rapporto sulle proiezioni non ha considerato affatto la tabella di marcia: ha invece utilizzato una metodologia preesistente per stimare l'adozione di tecnologie altamente pulite e ha affermato che ora è dovuta alla tabella di marcia.

Ma se lo prendiamo per valore nominale, una previsione di emissioni del 30%-35% entro il 2030 mette le proiezioni ufficiali più o meno in linea con (o leggermente al di sotto) delle recenti valutazioni indipendenti di ClimateWorks e Climate Analytics. Tali analisi attribuiscono il previsto taglio più profondo delle emissioni in gran parte all’azione statale a sostegno delle energie rinnovabili e dei veicoli elettrici.

Il punto degno di nota è che, nonostante tutti i discorsi sul raggiungimento e il superamento dei suoi obiettivi, i numeri suggeriscono che il governo si aspetta progressi relativamente lenti nella riduzione delle emissioni nel prossimo decennio.

Le proiezioni rappresentano un miglioramento significativo rispetto allo scorso anno – rispetto a un taglio del 22% – e i dati nel rapporto mostrano il perché: le emissioni previste dall’elettricità continuano a diminuire in modo significativo poiché l’energia pulita sostituisce il carbone.

Ma le nuove proiezioni prevedono ancora che le emissioni verranno ridotte di poco più dell’1% all’anno nel prossimo decennio.

Diversi importanti paesi sviluppati hanno promesso tagli annuali molto più profondi per raggiungere circa il 50% entro il 2030, avvicinandosi al livello globale che gli scienziati ritengono necessario per allora. Gli impegni per il prossimo decennio saranno al centro dei colloqui sul clima della Cop26 di Glasgow. Il presidente della conferenza, Alok Sharma, ha immediatamente ripetuto il suo appello affinché l’Australia aggiorni il suo obiettivo per il 2030 la prossima settimana.

Morrison lo ha già escluso. Dice che non aumenterà l'obiettivo del paese prima delle elezioni federali del prossimo anno.

Se si attiene a questo impegno, dovrà affrontare i leader mondiali in Scozia e gli elettori in Australia, i quali sostengono che le prove dimostrano che farà di più sul clima nei prossimi anni, ma che non è disposto a rendere questo un impegno concreto.

Non ha molto senso, ma questa è la politica climatica alla maniera australiana.

Leave a Response