Attualità

In che modo la tecnologia che abbiamo in casa ci spia — idealista/news

59views

La casa è vista come un rifugio dal mondo, dove la privacy è assicurata. Ma è davvero così? La verità è che tutti i dispositivi intelligenti che utilizziamo quotidianamente connessi a Internet – siano essi telefoni cellulari, televisori o sistemi di sicurezza intelligenti – dispone di meccanismi che consentono di raccogliere i dati personali, come posizione, interessi e con chi ci connettiamo. Queste tecnologie hanno addirittura il potere di decifrare “l'impronta digitale della casa”, che viola la privacy e crea rischi per la sicurezza delle famiglie.

È vero che le tecnologie hanno reso la nostra vita più semplice e facilitano la comunicazione, nonché l'accesso alle informazioni, ma i dispositivi connessi a Internet che abbiamo a casa possono effettivamente comunicare tra loro e comportare rischi esterni. È possibile che qualcuno acceda alla nostra fotocamera tramite Internet? Ed è possibile ascoltare ciò che diciamo al cellulare? Come riportato da El Paísquesto è esattamente ciò che un gruppo di ricercatori provenienti da diverse università e centri di ricerca ha cercato di scoprire.

“Uno dei maggiori problemi è la violazione della privacy”, poiché “chi viola può avere un'idea chiara di cosa c'è in ogni casa, di chi c'è, di quando e dove si sta muovendo”, avverte David Choffnes, professore della Northeastern University (Boston, Usa) e uno dei coautori della ricerca. Si è scoperto, ad esempio, che queste reti di aggressori possono avere accesso ai messaggi che inviamo, alle conversazioni telefoniche, alle posizioni e alle ricerche testuali e vocali.

La sicurezza domestica è a rischio

“Penso che le persone non abbiano idea che tutti i dispositivi connessi al Wi-Fi comunichino tra loro in qualche modo. E questo ha delle implicazioni per le nostre vite”, soprattutto in termini di sicurezza, afferma Juan Tapiador, professore dell'Università Carlos III e coautore dello studio, citato sempre da El País. Soprattutto perché le tecnologie di spionaggio possono anche monitorare l'evoluzione delle attività domestiche via Internet e favorire attacchi mirati.

“L'esposizione di queste informazioni senza alcun controllo permette ai servizi pubblicitari o alle applicazioni spia di creare un'impronta digitale di ogni casa, che la identificativi in ​​modo univoco o possa dedurre il livello di reddito e le abitudini delle famiglie”, ha sottolineato Narseo Vallina-Rodríguez, coautore dello studio e ricercatore presso Imdea Networks. In questo contesto, le case intelligenti sono più esposti a questi rischi, poiché hanno molti dispositivi connessi, dall'illuminazione alla sicurezza.

A questo punto, anche coloro che utilizzano dispositivi Android potrebbero essere più esposti ai rischi per la privacy rispetto a coloro che utilizzano dispositivi Apple, nonostante Google garantisca di migliorare costantemente la protezione della sicurezza di Android. Questo perché molte applicazioni su Android contengono un software associato che consente la raccolta di queste informazioni private, il che spesso non è legale in quanto non richiede il consenso degli utenti in modo debitamente informato, violando così il Regolamento generale sulla protezione dei dati. pubblicazione.

Ciò che è certo e chiaramente visibile nella nostra vita è che la raccolta di dati personali ha alimentato l'enorme macchina del marketing e della pubblicità globale. Questa sorveglianza si riflette, ad esempio, nella pubblicità personalizzata che riceviamo ogni giorno sui nostri cellulari.

Leave a Response