Tecnologia

“L'intelligenza artificiale è la tecnologia che definisce il nostro tempo”

16views

Catrin Hinkel è responsabile del team svizzero di Microsoft, composto da 600 persone.

Microsoft

Catrin Hinkel, CEO di Microsoft Svizzera, è convinta che l'intelligenza artificiale (IA) sia il prossimo grande passo nel modo in cui interagiamo con l'IT. Tuttavia, questa nuova tecnologia sarà una specie di “copilota” e non sostituirà l'intelligenza umana, ha dichiarato a SWI swissinfo.ch presso la sede centrale di Microsoft a Zurigo.

SWI swissinfo.ch: Nel 2021 sei arrivato a Zurigo dalla tua nativa Germania per dirigere la filiale svizzera di Microsoft. Cosa ti ha sorpreso di più?

Catrin Hinkel: Sono rimasta molto colpita dal livello di innovazione e creatività in Svizzera e in Microsoft. Gli svizzeri hanno una lunga storia di innovazione e il team di Microsoft Svizzera è appassionato nel creare soluzioni nuove e innovative. Sono rimasta anche stupita dalla forte cooperazione tra Microsoft e i suoi partner in Svizzera.

Catrin Hinkel è nata in Germania nel 1969. Dopo aver completato gli studi aziendali bilingue presso l'Università di Reutlingen nel 1992, ha lavorato per la società di consulenza globale Accenture. Lì ha ricoperto diversi ruoli di leadership, tra cui quello di Senior Managing Director per Cloud First Strategy and Consulting in Europa. È CEO di Microsoft Svizzera da maggio 2021.

SWI: Microsoft impiega oltre 1.000 persone in Svizzera. Quali sono i compiti principali della sussidiaria?

CH: In qualità di CEO di Microsoft Svizzera, sono responsabile del “team svizzero” composto da 600 persone, che si occupa di marketing e vendite in Svizzera. Lavoriamo a stretto contatto con i nostri clienti per supportarli nei loro percorsi digitali. Inoltre, Microsoft impiega altre 400 persone in Svizzera che fanno parte del “team internazionale”.

SWI: Qual è il ruolo del “team internazionale” di Microsoft in Svizzera?

CH: I membri di questo team sono collegati alle varie unità tecnologiche del gruppo Microsoft e contribuiscono allo sviluppo di nuovi prodotti a livello internazionale. Sia il team svizzero che i clienti svizzeri beneficiano delle competenze di questo team internazionale, in particolare nei settori della realtà mista e aumentata.

SWI: Alcune aziende come Google, Amazon, Twitter e Microsoft hanno recentemente tagliato la loro forza lavoro in tutto il mondo. E Microsoft in Svizzera?

CH: Non siamo in grado di fornire cifre dettagliate. Tuttavia, come azienda che opera in mercati tecnologici altamente competitivi e dinamici, siamo obbligati ad adattarci in modo flessibile per soddisfare le esigenze dei nostri clienti. Questa è la norma nel nostro mercato. Stiamo quindi assumendo nuove reclute in aree in cui ci stiamo espandendo e in cui vediamo un futuro; nel frattempo, nei settori in cui la nostra crescita è più debole, ci stiamo posizionando di conseguenza in modo da rimanere agili.

SWI: In che misura siete toccati dalla carenza di specialisti IT in Svizzera?

CH: La carenza di specialisti è un problema serio, sia in Svizzera che all'estero, non solo per Microsoft, ma anche per i nostri clienti e partner. Per contribuire a risolvere il problema, nel 2020 abbiamo lanciato l'iniziativa “Skills for Switzerland”. Ciò ci ha consentito di potenziare le competenze digitali di oltre 630.000 persone in Svizzera. A questo schema partecipano anche organizzazioni come l'azienda di risorse umane Adecco, con sede a Zurigo, e il CyberPeace Institute, a Ginevra. Inoltre, stiamo lavorando ad altri progetti con l'associazione digitalswitzerland e il rivenditore Migros.

SWI: Il mercato del cloud è in forte espansione e, secondo l'International Data Corporation (IDC), dovrebbe superare gli 11 miliardi di $ (10 miliardi di CHF) in Svizzera entro il 2026. Come spiega questa crescita?

CH: Grazie ai servizi cloud di un'azienda come Microsoft, i nostri clienti possono esternalizzare l'elaborazione dei dati e beneficiare di enormi economie di scala e di competenze. In termini concreti, grazie al cloud, un numero molto elevato di aziende svizzere di tutte le dimensioni ha accesso a nuove tecnologie come l'intelligenza artificiale a costi competitivi. Ciò significa che le aziende possono innovare come desiderano; quindi, in definitiva, si può dire che il cloud alimenta l'innovazione.

SWI: Il fatto che i dati delle aziende clienti siano talvolta archiviati all'estero è motivo di preoccupazione.

CH: Microsoft è un'azienda globale che serve sia una clientela locale che internazionale, quindi ci impegniamo a fornire ai nostri clienti le soluzioni più appropriate. In Svizzera, grazie alla presenza dei nostri quattro data center, possiamo offrire solide soluzioni locali. Questa offerta locale ci ha anche permesso di conquistare la fiducia delle aziende svizzere soggette a severi requisiti locali. Penso, ad esempio, alle banche di tutte le dimensioni, che sono altamente regolamentate e supervisionate dall'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari svizzera (FINMA).

SWI: Tuttavia, alcuni membri del parlamento svizzero sono preoccupati che tu possa avere accesso a dati sensibili dei clienti. Come plachi i loro timori?

CH: Con i servizi cloud, forniamo ai nostri clienti delle piattaforme tecnologiche. Non siamo affatto interessati ai dati su queste piattaforme. È totalmente fuori questione per noi utilizzare questi dati o passarli ad altre aziende. Inoltre, sulle nostre piattaforme, i dati dei nostri clienti sono protetti dalla crittografia. Ciò che ci interessa, in ultima analisi, è la democratizzazione delle nuove tecnologie.

SWI: Qual è la tua opinione sugli sviluppi tecnologici come blockchain, metaverso e intelligenza artificiale?

CH: Se usata correttamente, la tecnologia può rendere la vita delle persone più semplice, più efficiente e più piacevole, soprattutto quando si tratta di svolgere compiti di routine. Tuttavia, la tecnologia rimarrà sempre un aiuto, una specie di copilota, e non sostituirà mai uomini e donne veri.

Per quanto riguarda l'IA, è la tecnologia che definisce il nostro tempo. È anche il prossimo grande passo avanti nel modo in cui interagiamo con l'IT. In un mondo che è sempre più complesso economicamente, l'IA ha il potere di rivoluzionare molti tipi di lavori.

SWI: Quali sono le vostre principali applicazioni dell'intelligenza artificiale?

CH: Il nostro investimento in AI abbraccia l'intera attività, da Teams e Outlook a Bing e Xbox. Stiamo già riscontrando un notevole interesse da parte dei nostri clienti in Svizzera e stiamo lavorando attivamente su “value case”. Ad esempio, la nostra applicazione Copilot può essere utilizzata per estrarre rapidamente dati di base da un rapporto annuale di 300 pagine.

SWI: L'intelligenza artificiale solleva numerose questioni etiche. Diversi paesi stanno emanando leggi per regolamentarne l'uso.

CH: È proprio per questo che nel 2018 Microsoft ha definito una serie di principi etici applicabili a tutti i nostri utilizzi dell'IA. Ad esempio, escludiamo ogni pregiudizio basato sulla razza. Escludiamo anche qualsiasi applicazione che non sia ancora completamente affidabile e che, in caso di malfunzionamento, potrebbe danneggiare gli individui; penso al riconoscimento facciale, ad esempio.

A cura di Samuel Jaberg. Tradotto dal francese da Julia Bassam.

Leave a Response