Tecnologia

Ora potete creare un sistema Android sicuro al 100% | GrapheneOS da oggi è nativo

63views

Parola di GrapheneOS.

Da che mondo è mondo i sistemi informatici sono un costante rischio di violazione da parte di malintenzionati che tentato i penetrarvi con tutti i sotterfugi possibili: malware, virus, trojan e attacchi hacker mirati possono compromettere la sicurezza dei nostri dati sensibili, tanto sui sistemi fissi quanto su quelli portatili. Gli smartphone da questo punto di vista non fanno eccezione. Android è particolarmente vulnerabile agli attacchi informatici, almeno a detta degli sviluppatori di GrapheneOS, un sistema operativo alternativo ad Android con misure di sicurezza extra per quanto riguarda la protezione dei dati sensibili e della privacy degli utenti.

GrapheneOS ora è nativo

NitroPhone 4 è lo smartphone più sicuro al mondo?
NitroPhone 4 è lo smartphone più sicuro al mondo?

Per molto tempo GrapheneOS si doveva installare autonomamente sul proprio dispositivo Android in quanto ROM personalizzata, ovvero sistema operativo di terza parte che era installato a proprio rischio ee pericolo dagli utenti su dispositivi preesistenti. Ora però non è più necessariamente così. Dal 2021 infatti l'azienda tedesca Nitrokey produrre i NitroPhone, una linea di smartphone “super sicura” che monta nativamente GrapheneOS come sistema operativo. I privilegi dell'applicazione vengono normalmente installati di default sui dispostivi Android come Google Chrome e tutte le altre applicazioni del pacchetto Google Mobile Services. Attualmente è in commercio NitroPhone 4che all'esorbitante prezzo di €1199 per il modello da 128GB e €1218 per quello da 256GB offre un dispositivo che ha lo stesso hardware di Google Pixel 8, ma è privo dei corrispettivi applicativi, lasciando l'utente libero di installare solo le applicazioni che ritiene necessarie e dunque senza l'obbligo di condividere con Google ei suoi partner qualsivoglia informazioni circa i propri dati personali.

Dotato di chip Titano M2 e sistemi crittografati evoluti, NitroPhone è una sorta di cassaforte per qualunque informazione e applicazione installata su di esso. Nessun dispositivo di tracciamento e la possibilità di inibire giroscopio ed altri sensori, oltre che le fotocamere frontali e posteriori. Ecco le specifiche hardware:

  • GooglePixel8
  • RAM: 8GB
  • Schermo: 157 mm (6.2″), 1080 x 2400 pixel, 428 ppi, OLED
  • Fotocamera posteriore: grandangolare da 50 MP, ultra grandangolare da 12 MP
  • Fotocamera frontale: 10,5 MP
  • Processore: Google Tensor G3 Nona-core, max. 2,45GHz
  • Chip di sicurezza Titan M2
  • Porta: USB-C 3.2
  • Reti: GSM, LTE, 5G (sotto i 6 GHz; non tutte le reti 5G sono compatibili), Wi-Fi 7 (802.11be), Bluetooth 5.3, NFC
  • Sensore Fingerprint sotto al display
  • 1x slot per schede Nano SIM, 1x eSIM
  • Dimensioni: 150,5×70,8x 8,9 mm
  • Peso: 187 g

Non è tutto, perché gli sviluppatori di GrapheneOS hanno annunciato che col prossimo aggiornamento il sistema operativo diverrà compatibile anche con Android Auto!

Sicurezza stradale

Sta arrivando l'integrazione tra GrapheneOS e Android Auto
Sta arrivando l'integrazione tra GrapheneOS e Android Auto

Android Auto è il sistema di infotainment progettato da Google per il settore automotive, che permette all'autista e/o ai passeggeri di una vettura di avere accesso ad una varietà di funzioni diverse tramite un'interfaccia pulita e semplificata ed il supporto ai comandi vocali , il tutto per minimizzare il rischio di distrazioni durante la guida. Fino ad oggi gli utenti di GrapheneOS non avevano potuto beneficiare dell'integrazione con Android Auto, ma racconto compatibilità sta per essere implementata in un futuro aggiornamentocome hanno comunicato gli sviluppatori tramite server Mastodon:

Il supporto ad Android Auto sul nostro livello di compatibilità con Google Play è stato integrato in GrapheneOS e dovrebbe essere rilasciato con il prossimo aggiornamento. (…) Fornisce 4 levette di autorizzazione per abilitare diversi accessi ad Android Auto versione cablata, Android Auto versione wireless, controllo del routing audio e controllo delle chiamate telefoniche. Messaggio pubblicato sul server GrapheneOS.social di Mastodon – 29 dicembre 2023

Come tutte le funzionalità accessorie di GrapheneOS, anche l'abilitazione al collegamento con Android Auto non sarà attiva di default ma dovrà essere esplicitamente autorizzata dall'utente.

Leave a Response