Intrattenimento

Teatro Real 2023-24 Recensione: Madama Butterfly (Cast C)

15views
(Diritti d'autore della foto:

(***Avviso di attivazione basato su argomenti quali suicidio e violenza sulle donne)

Il Teatro Real di Madrid chiude la sua stagione con un numero sorprendente di 19 rappresentazioni con quattro cast diversi del tragico racconto di Puccini: “Madama Butterfly”. Nicola Luisotti è stato responsabile dell'Orchestra del Teatro Real per la maggior parte degli spettacoli, e l'eccellente direttore teatrale italiano Damiano Michieletto ha firmato la produzione.

Michieletto è probabilmente il regista teatrale più popolare e richiesto al giorno d'oggi. Solo pochi mesi fa ha avuto due nuove importanti produzioni nello stesso periodo: “Don Chisciotte” all'Opéra di Parigi e di Bizet “Carmen” al ROH di Londra. Le produzioni intelligenti e significative di Michieletto avvicinano sempre l'azione ai tempi moderni, offrendo una visione attuale e quindi avvicinando l'opera a nuovi pubblici. Porta sempre il suo approccio oltre, presentando la sua visione nel rispetto del libretto e della partitura.

In “Madama Butterfly” Michieletto abbandona tutto l'esotismo che questo pezzo potrebbe avere, come le colline sopra Nagasaki, i ciliegi e i kimono. Invece, ambienta l'azione in un quartiere suburbano orientale. Il palco è pieno di grandi cartelloni pubblicitari e pubblicità al neon. La maggior parte di essi annuncia “ragazze”/prostitute, scritte in tre lingue: giapponese, cinese e tailandese. Si concentra sullo sfruttamento delle donne, sul turismo sessuale e sulla povertà. È un approccio realistico molto crudele. La casa di Butterfly è un recinto di vetro rettangolare dove le prostitute orientali si mostrano come mercanti in una vetrina quando si alza il sipario. L'ambiente è molto sordido. Butterfly è una giovane ragazza che è stata venduta e lotta per sopravvivere in povertà quando il suo “marito” americano la abbandona. Ma Michieletto sa anche come creare bei momenti lirici come il coro “boca Chiusa” in cui le comparse riempivano molto lentamente l'interno della casa di Butterfly con barchette di carta illuminate dalla luce delle candele. Era un effetto molto bello. D'altro canto, crea un grande impatto, come quando Butterfly si spara alla testa usando la pistola di Goro, invece di uccidersi con la spada dei suoi antenati.

Michieletto è un genio, soprattutto nel modo in cui gestisce l'outfit di Butterfly durante il secondo e il terzo atto, che consiste in una maglietta rosa “Hello Kitty” e jeans con motivi di paillettes. Questo costume non distrae né sembra ridicolo, anzi simboleggia l'innocenza delle ragazze. Butterfly si trova in questo mondo sordido in cui le donne sono oggetti da comprare. Lui dirige tutto. Non lascia spazi vuoti e presta particolare attenzione a ogni singolo personaggio, dalle comparse e dal coro, ai piccoli ruoli come la moglie di Pinkerton, che è ritratta come una ricca e arrogante donna bionda che non esita a lanciare soldi a Butterfly come se potesse comprare suo figlio. È particolarmente drammatico quando il bambino corre verso il corpo della madre morta (Butterfly) e cerca di tenerla mentre Pinkerton lo afferra e lo porta via. Michieletto dimostra ancora una volta perché è uno dei registi più talentuosi e popolari oggi.

La farfalla illuminante di Aleksandra Kurzak

Aleksandra Kurzak è una Butterfly incredibile. Fin dall'inizio della sua aria d'ingresso, “Ancora un passo o via”, ha dimostrato quanto sarebbe stata grandiosa la sua interpretazione. Il suo background belcantistico le ha permesso di cantare linee legate altissime e un cristallino Si♭ e Re♭ acuto in pianissimi durante la sua aria d'ingresso. La sua voce si è sviluppata ulteriormente in una vera coloratura lirica. Il suo registro medio si è oscurato, diventando più ampio e guadagnando proiezione. Il suo timbro è caldo e bello. Ha la voce ideale per questo ruolo. Mi è mancato solo l'uso dei colori vocali per ritrarre vocalmente una ragazza di 15 anni. In questo modo, la sua voce suonava troppo matura e scura nel primo atto. Tuttavia, ha prestato attenzione a ogni accento e dinamica, creando momenti forti ed efficaci come quando risponde “Morto” in un sussurro terrorizzato, o la linea appassionata con un Si♭ in “Amore mio”. Tuttavia, Michieletto potrebbe aver chiesto al soprano di ritrarre una ragazza più matura, che ha vissuto in povertà con sua madre che ha dovuto vendere il suo corpo per sopravvivere. Ma anche con questa interpretazione, Butterfly è infatuata di Pinkerton, o di ciò che lui intende: una vita in America lontana da questa vita di povertà. In altre parole, libertà. Kurzak era visibilmente colpita come Butterfly quando fu maledetta e abbandonata dalla sua famiglia e dai suoi amici, ma allo stesso tempo cantò un duetto d'amore appassionato e lirico, che si concluse con un Do acuto finale lungo e sostenuto.

Ma è nel secondo atto che il soprano deve mostrare tutto il suo potenziale drammatico. Kurzak ha cantato un bellissimo “Un bel di vedremo” con una mezza voce slanciata nelle prime battute, un forte registro centrale in “Per non morire al primo incontro” e un sicuro Si♭ climatico. È nella scena con Sharpless che Kurzak sfrutta tutte le sue risorse drammatiche. Sembrava immensamente addolorata in “non mi rammenta più!”, e molto determinata e drastica in “Due cose potrei far” cantando con abbandono e immenso dolore. La sua voce suonava forte e persino arrabbiata in “Ah! m'ha scordata…E questo?”. Ma è tornata al dolore profondo e al pathos nell'interpretazione della sua aria “Che tua madre…” dove ha dimostrato il suo forte registro medio, poiché questo pezzo è scritto principalmente all'interno del pentagramma, e la sua flessibilità vocale per cantare la maggior parte del pezzo è con sezioni basse risonanti, ma poi si alza drammaticamente alla fine a due Si bemolle perfetti, ed è molto difficile raggiungere quelle note alte quando il resto dell'aria richiede un canto drammatico nelle parti centrali e basse della voce. E c'è ancora molto da cantare. La sua interpretazione del verso “una nave da guerra?” è stata da brivido, poiché Butterfly e Suzuki vedono finalmente la nave di Pinkerton al porto. La sua uscita di scena all'inizio del terzo atto è stata in una mezza voce sussurrata, che includeva un pianissimo Si naturale in “ed io col mio dolor”. Era sotto shock mentre cantava “Forse potrei cader morta sull'attimo” ed estremamente commovente e drammatica è stata la sua aria finale “Tu, tu, tu piccolo iddio…”, cantata con una voce fresca dopo una lunga notte di canto e con forti La naturali drammatici mentre salutava il figlio prima di suicidarsi.

La rappresentazione e la personificazione del ruolo da parte di Kurzak sono state eccezionali, delineando il grande arco drammatico che il personaggio attraversa dall'emozione del matrimonio, alla convinzione del ritorno di Pinkerton, alla tremenda delusione quando Sharpless la informa che potrebbe non tornare, fino all'abbandono finale quando tutto ciò per cui ha vissuto e combattuto crolla. Si è abbandonata all'ultima interpretazione del suo stesso figlio e al suo successivo suicidio.

Altri momenti salienti del cast

Leonardo Capalbocome Pinkerton, non ha avuto una serata ottimale. Ha un suono cupo, ma ogni volta che doveva cantare sopra il passagio, il suono risultava forzato, teso e talvolta instabile. Tutto veniva pronunciato con un tono forte simile e si poteva vedere lo sforzo fisico che gli è servito per emettere il suo primo Si bemolle in “America forever”; anche la sua linea precedente “scompligli nave or meggi, alberatura” che richiede un fraseggio fino a diversi La naturali, mostrava segni di un suono forzato e scomodo. Mentre guardavo l'esibizione mi chiedevo come avrebbe pronunciato il Do acuto che conclude il duetto nel primo atto: alla fine, non lo ha cantato, e ha invece optato per la linea più bassa che Puccini ha scritto. Devo dire che il Do acuto è facoltativo, “oppure”, ma di solito è cantato dai tenori per migliorare il climax. Il tenore non appare di nuovo fino al terzo atto, dove ha un piccolo Terzetto con Sharpless e Suzuki e la sua aria “Addio, fiorito asil”. L'apparizione di Capalbo nel terzo atto ha ripetuto lo stesso schema: note alte spinte, sforzo fisico nella produzione vocale e suono irregolare. Non avevo mai visto Capalbo prima e quindi dubito che si sentisse al 100 percento.

Sharpless è stato interpretato dal baritono spagnolo Luis Cansino. Ha una voce di volume modesto e vibrato marcato, ma la voce si trasmette bene perché ha una grande proiezione. Come il ruolo di Suzuki, interpretato da Gemma Coma-Alabertle loro parti svolgono un ruolo molto importante nello sviluppo della storia, ma i suoi interventi vocali sono brevi e senza parti soliste. Coma-Alabert possiede un suono forte e rotondo, mostrando le sue capacità drammatiche nella prima scena del secondo atto con Butterfly o nella scena finale, così come un bellissimo lirismo e mezza voce nel duetto floreale con Butterfly alla fine del secondo atto.

È un lusso avere un tenore come Moisés Marínche ha debuttato nel ruolo di Pirro di Rossini, un ruolo di baritenore lungo e difficile la scorsa stagione, nel ruolo di Goro. Marín ha un timbro scuro con grande proiezione. La sua voce era piuttosto presente nei pochi interventi che questo ruolo secondario ha. Non va oltre il Sol, quindi richiede il forte registro medio che Marín possiede. Ha fatto un ritratto convincente del magnaccia tossicodipendente che la produzione di Michieletto richiede.

Momenti musicali salienti

Le prestazioni sul 5il di luglio è stato diretto dal direttore d'orchestra spagnolo Luis Miguel Mendez che hanno optato per tempi lenti. Ad esempio, l'entrata di Butterfly è suonata estremamente lenta, richiedendo una forte tecnica di respirazione dal soprano, e Kurzak è riuscito in questo compito. È stato molto specifico con i dettagli timbrici di questa partitura, impregnando l'orchestra del sapore orientale di Puccini. Le voci e l'orchestra suonavano perfettamente bilanciate e le voci si potevano sentire in ogni momento (cosa raramente comune oggi). Nel complesso, l'Orchestra e il Coro del Teatro Real suonavano forti e brillanti.

Un nuovo approccio drammatico a “Madama Butterfly” da parte dell'eccellente regista Damiano Michieletto con Aleksandra Kurzak nel ruolo principale, a dimostrazione del fatto che è una delle migliori Butterfly odierne.

Leave a Response