Intrattenimento

Tim Richards, CEO di Vue, parla di intelligenza artificiale, distribuzione e cinema d'essai

39views

ESCLUSIVO: Vue Fondatore e Amministratore Delegato Tim Richards ha suscitato scalpore il mese scorso con un'intrigante apparizione davanti all'inchiesta del Parlamento britannico su film e TV di fascia alta.

Lanciata dall’influente Comitato Cultura, Media e Sport, l’inchiesta bipartisan ha trascorso settimane intervistando personaggi del settore come parte di un’indagine sullo stato attuale della produzione cinematografica e televisiva nel Regno Unito. Richards è apparso alla sessione insieme all'amministratore delegato di Picturehouse Clare Binns e ad Alex Hamilton, amministratore delegato di Studiocanal UK, che hanno entrambi espresso conclusioni piuttosto pessimistiche sulla posizione attuale e futura del cinema britannico indipendente. Richards, tuttavia, era la voce dissenziente.

Il capo di lunga data di Vue ha delineato una visione ottimistica per il cinema britannico indipendente, informata dalla performance e dalla varietà di film sui suoi schermi nel Regno Unito e in Europa. La sua unica lamentela è che il mercato non riesce a portare alla luce abbastanza progetti per gli operatori dei servizi, motivo per cui ci ha detto di aver deciso di “accelerare” i piani per lanciare una divisione di distribuzione presso Vue.

All'inizio di quest'anno, Vue ha pubblicato la dramedy italiana di successo C'è ancora domani della regista esordiente Paola Cortellesi nel Regno Unito. Richards ci dice che il film di Cortellesi è solo il primo lungometraggio che lui e il suo team interno intendono lanciare direttamente. Questa mattina dentro Cannes è stato anche annunciato che Vue ha collaborato con i produttori Andy Paterson e Annalise Davis e con la società di produzione virtuale Dimension Studios, per realizzare una serie di film britannici.

Di seguito, Richards ci parla di come procedere ulteriormente nella distribuzione diretta di film nel Regno Unito e in Europa. L'ex presidente del BFI spiega anche come Vue ha utilizzato l'intelligenza artificiale per programmare i suoi cinema e come intende cambiare “drammaticamente” l'esperienza cinematografica con un aggiornamento dei siti fisici di Vue.

DEADLINE: Tim, il mio cinema locale era il VUE appena fuori Upper Street. E spesso rimango sorpreso dalla varietà dei film proiettati lì. D'autore e commerciale.

TIM RICCARDO: C'è la percezione che alcuni cinema trasmettano determinati film e altri no. Ciò poteva essere vero 30 o 40 anni fa, ma ora non più. Al momento non c'è praticamente alcuna differenza tra un cinema d'essai indipendente e un gestore di cinema multiplex. Stiamo tutti interpretando gli stessi film. Gli operatori multiplex proiettano più film indipendenti rispetto a Picturehouse. Stanno anche proiettando più film indipendenti rispetto ai cinema Everyman. E parte del motivo è che abbiamo più schermi. Il futuro dell'industria dipende dal fatto che quante più persone possibile vedano i film. Il 70% degli incassi dei film indipendenti proviene dagli operatori multiplex, il che dimostra quanto siamo importanti per l'ecosistema del cinema indipendente.

DEADLINE Perché pensi che questo binario esista ancora nella mente delle persone?

RICCARDO: Penso che la gente ricordi i vecchi tempi. Il vero punto di demarcazione è stato quando sono stati introdotti i proiettori digitali. Prima di allora, era fisicamente difficile proiettare più film in un giorno. Le pellicole arrivavano in barattolo ed erano pesanti. Il grande progresso tecnologico è stato metterli su piatti a carica automatica. L'introduzione dei proiettori digitali ha permesso agli operatori di mostrare più film a più persone. Quello fu l’inizio della fine del classico cinema d’essai. Probabilmente ci sono una mezza dozzina di cinema nel Regno Unito che ancora si attengono a quegli ideali originali. Ho inserito Watershed a Briston in quella categoria. Ho molto rispetto per loro e amo quello che fanno. Ma come ho detto all'inchiesta, quando ho controllato il programma a Watershed per una settimana, quello di Alex Garland Guerra civile era su tutti gli schermi principali. Anche Watershed proietta film commerciali. Se guardi i tre principali operatori, abbiamo mostrato 94 dei 100 migliori film in totale. Quindi sì, c'erano alcuni film che non abbiamo mostrato. Ma in generale, stiamo effettivamente consegnando.

A Vue, siamo stati in grado di mostrare più film a più persone grazie all'intelligenza artificiale. Il 46% dei film che proiettiamo sono in realtà in lingua straniera e questo non è un numero che molte persone penserebbero o riconoscerebbero, ma è quello che stiamo facendo. E gran parte di ciò è dovuto all’intelligenza artificiale.

SCADENZA: Come stai utilizzando l'intelligenza artificiale?

RICCARDO: Siamo pionieri nella tecnologia a livello globale. Abbiamo iniziato otto, quasi nove anni fa. Iniziamo a parlarne solo adesso. Prima di ciò, per ragioni aziendali, andavamo avanti con le cose. Abbiamo assunto un gruppo di San Francisco che stava costruendo modelli di intelligenza artificiale per gli hedge fund a New York. Abbiamo iniziato a utilizzare modelli molto complessi per costruire i nostri programmi. Abbiamo provato 53 modelli in versione beta in due anni ed è stato intorno al trentesimo modello che abbiamo capito che stavamo realizzando qualcosa di molto speciale e abbiamo iniziato a distribuirlo in più cinema man mano che la nostra fiducia cresceva con la tecnologia.

Ma l’intelligenza artificiale è responsabile della prenotazione di tutti i nostri schermi e determina cosa trasmettere in quale cinema, su quale schermo e a che ora. La nostra attività riguarda i film, ma nei periodi in cui abbiamo un po' di tempo in più sullo schermo, abbiamo ospitato eventi musicali, teatrali ed sportivi. E l’intelligenza artificiale pianificherà anche eventi di programmazione alternativi sui nostri lungometraggi.

DEADLINE: Sono sicuro che tutti i tuoi concorrenti stanno cercando di trovare un modo per copiarlo.

RICCARDO: Beh, non è qualcosa che accade da un giorno all'altro. Al momento sono disponibili alcuni pacchetti standard, ma il nostro è un sistema proprietario che abbiamo sviluppato noi stessi ed è una classica intelligenza artificiale che apprende e si evolve costantemente. L'abbiamo lanciato in Italia e stiamo vedendo lo stesso tipo di risultati molto promettenti che abbiamo visto nel Regno Unito e lo implementeremo in tutti i nostri mercati.

SCADENZA: Così VUE ha scelto quello di Paola Cortellesi There's Still Tomorrow e lo ha distribuito nel Regno Unito. E da quello che ho capito, Vue ora si muoverà ulteriormente verso l'acquisizione e la distribuzione di una lista. Puoi dirci di più a riguardo?

RICCARDO: Per noi è un ritorno a qualcosa che abbiamo provato 15 anni fa, ma eravamo troppo presto. Abbiamo coprodotto tre film, ET 3D, io e Orson WellesE La scomparsa di Alice Creed con Gemma Arterton. Quindi stiamo rientrando nel business. Quest'anno usciranno alcuni film fantastici di cui sono entusiasta a livello personale e professionale. Ma non abbiamo tutti i film di cui abbiamo bisogno. Quindi abbiamo deciso di accelerare i nostri piani per un veicolo di distribuzione. vidi C'è ancora domani quando uscì in Italia solo grazie al passaparola. Ne sono rimasto stupefatto. Alcuni film intrattengono, altri spaventano, altri fanno ridere e ce ne sono alcuni che sono pura arte. Paola è riuscita in qualche modo a combinare tutto questo in un unico film. Quindi ho pensato che fosse un film per il quale avevamo un pubblico nel Regno Unito e nessuno lo avrebbe portato qui.

Abbiamo iniziato a discutere con i produttori e con Paola e abbiamo deciso di portarlo nel Regno Unito e promuoverlo. Quindi questo è il nostro primo film. Il nostro piano è quello di prendere il meglio dei film locali dai nostri mercati, i migliori film polacchi e tedeschi, olandesi e italiani e mostrarli a tutti i nostri clienti nei nostri mercati.

DEADLINE: Che tipo di film vorrai prendere?

RICCARDO: Buona domanda. È molto specifico per il film. La nostra intelligenza artificiale sa molto del nostro pubblico. Quindi sa che c'è una piccola comunità turca vicino a Islington dove potremmo allestire schermi extra per quel pubblico con film turchi. Sappiamo che c'è una grande comunità polacca in alcune zone del paese dove vorremmo portare più film polacchi. Possiamo aprire un film in virtù del numero di schermi e di location che abbiamo nel Regno Unito e in tutta Europa. Disponiamo inoltre di un sito Web leader di mercato, quindi possiamo utilizzare il nostro sito Web per comunicare direttamente con i nostri clienti in tutti i nostri mercati. Possiamo mostrare tutti questi film ai nostri clienti. E questo è il nostro obiettivo.

SCADENZA: Questa sarà una notizia entusiasmante per molti nel settore. Questo è qualcosa a cui molte persone hanno chiesto, grandi tasche e ambizione.

RICCARDO: Ho trascorso gli ultimi 25 anni della mia vita cercando di aiutare e promuovere il cinema indipendente britannico, che è il mio vero amore. Conosco il vantaggio che i registi ottengono dall'uscita nelle sale, anche se è breve e limitata. Aiuta comunque a indirizzare i flussi di entrate accessorie, aiuta a diffondere il messaggio che si tratta di alta qualità. Di conseguenza, abbiamo organizzato un gran numero di lanci di film a Leicester Square per cercare di aiutare i talenti emergenti a far uscire e proiettare i loro film. Quindi questa è un'evoluzione naturale per noi iniziare a commercializzarlo attraverso un veicolo di distribuzione.

SCADENZA: Costruirai uno specifico team di acquisizione e distribuzione?

RICCARDO: Al momento abbiamo un team di grande talento responsabile di portare There's Still Tomorrow nel Regno Unito. Ma lo rafforzeremo con alcune competenze molto specifiche, in particolare con l'arrivo di film asiatici.

DEADLINE: Ritirerete i film a Cannes? E con che tipo di registi e produttori lavorerai?

RICCARDO: Tutto rimane senza nome in questo momento. Ma stiamo accelerando i nostri piani su questo. Ma allo stesso modo, nella comunità artistica circolavano voci secondo cui stessimo iniziando a farlo e questo ha riempito le caselle di posta di tutti ovunque e questo si basa su voci. Quindi non mancheranno le discussioni che avremo. Ma inizialmente saremo molto selettivi con i film migliori in cui crediamo. E poi inizieremo ad ampliarlo col passare del tempo.

DEADLINE: Durante la tua deposizione davanti all'inchiesta hai detto brevemente che il BFI non dovrebbe avere paura dei film commerciali e dei talenti. Puoi approfondire cosa intendevi?

RICCARDO: Il BFI è un'organizzazione riconosciuta a livello internazionale ed è leader del settore. Questa è solo una parte di ciò che fa il BFI, ma dal punto di vista cinematografico è responsabile dell'identificazione e della coltivazione dei talenti emergenti ed è qualcosa in cui è molto bravo. Ciò che ho suggerito è che si cerchi di non aver paura dei film commerciali. Quindi, con i talenti emergenti, se sembrano pubblicitari ma hanno ancora bisogno di un po' di aiuto, non dovrebbero aver paura di sostenerli.

SCADENZA: Quando guardi al futuro tra cinque o dieci anni, come speri che assomigli alla tua azienda e cosa farà?

RICCARDO: Ciò che mi piace del nostro settore è che quando pensi che non ci sia più niente da fare, appaiono 20 cose. Da qui a Natale, ristruttureremo completamente 14 cinema importanti, dotandoli di poltrone reclinabili in pelle e proiettori laser, e li stiamo aggiornando in modo significativo. Ma cambieremo anche l’aspetto e l’atmosfera del cinema in modo molto drammatico. Abbiamo dei piani davvero entusiasmanti per i nostri futuri progetti cinematografici che rappresentano un importante cambiamento rispetto al passato e li sveleremo quest'estate.

Leave a Response